LA GRANDE DISCOVERY IL CASO PAOLO FERRARO E LE SORTI DELLO STATO.
La grande discovery, un'inchiesta circostanziata e corredata da un concreto impianto probatorio attraverso cui si delinea il quadro di
una occupazione sistematica dei gangli vitali delle istituzioni da parte di organizzazioni deviate incistate nel cuore dello Stato e nelle sue articolazioni.
Ruoli, metodologie, strumenti e tecniche vengono messi a nudo così come messi a nudo protagonisti e una dimensione strategica ignota prima.
Il golpe scientifico ed il ruolo della SUPER-GLADIO ed i collegamenti internazionali necessari emergono dettagliatamente.
IL CASO PAOLO FERRARO utilizzato come pietra di paragone, strumento di analisi con prove e passpartout alla conoscenza dei sedimenti del vero potere sotterraneo che tiene parzialmente in pugno Repubblica e i tre poteri dello Stato, proprio in quanto il magistrato noto e stimato fu attenzionato e "diagnosticato" sin dal 1992 come un pericoloso potenziale "successore" troppo capace, indipendendente e rigoroso per non essere fermato, accerchiato, gestito ed infine ( a scoperte avvenute) sottoposto al tentativo di distruzione più eccellente che sia a noi noto .
Il CDD (Comitato Difendiamo la Democrazia) indica tappe e strumenti di un apparato criminale che può essere fermato individuando proprio i segmenti anche istituzionali e normativi che ha posizionato in un ventennio ed oltre di marcia sotterranea.
PLAYLIST YOUTUBE  Clicca sul primo tasto in alto a sinistra "Playlist" e scorri l'elenco dei video che si evidenzierà nella porzione sinistra della finestra per scegliere il video 

venerdì 28 febbraio 2014

AL SIGNOR MINISTRO DI GIUSTIZIA ANDREA ORLANDO MISSIVA del dott. Paolo Ferraro

AL SIGNOR MINISTRO DI GIUSTIZIA centrocifra.gabinetto@giustiziacert.it
e p. c.
Al Capo di Gabinetto capo.gabinetto@giustiziacert.it
e p. c.
Al vice Capo di Gabinetto
Alla Direzione Generale Magistrati dgmagistrati.dog@giustizia.it

Signor Ministro,
Lei non mi conosce, se non come mi conosce ormai una significativa parte informata del paese, e questo La solleva da ogni possibile equivoco o polemica artificiale.
In una parola sono l'ex (per ora) magistrato assoggettato ad un provvedimento di dispensa firmato dal ministro pro-tempore il 7 febbraio 2013, dispensa che ha distrutto la credibilità e le immagini delle istituzioni e del CSM.
Anche perchè in diretta ed in rete, mediante dichiarazioni di persone informate sui fatti ho dato la prova finale ultima possibile di attività di attenzionamento che retroagiscono nel tempo, delle connessioni e rapporto tra un magistrato della Procura di Roma ed apparati militari deviati (eversivi) ed un quadro francamente insuperabile in ordine ad una attività di MOBBING criminale gestita attraverso una manipolazione di cui esistono e sono state vagliate da centinaia di migliaia di persone prove , su ogni aspetto.
Quando resomi conto per la prima volta di cosa si celava dietro un VERO e proprio ordito criminale, ed in rete la prova diretta da persona informata che esso nasce dalle mie qualità professionali, intellettuali e di indipendenza vera, non ho per un istante tentennato ed ho deciso nel 2010, dopo aver subito UN SEQUESTRO di persona di gravità inaudita nel 2009, di portare tutto alla luce aderendo al principio di doverosità della condotta mia, a fronte di fatti che attingono anche alla tutela di donne, minori, attività criminali di apparati coperte ed ogni altra cosa è dato evincere.
Tutto verificabile con la buona fede in base a indizi, prove e fonti dirette ed indirette.
Ma tutto accuratamente coperto da un SILENZIO assordante che non qualifico, perchè a Lei necessariamente note le matrici.
Mi limito qui a richiamare una nota intervista e dichiarazione pubblica di Walter Veltroni proprio del 2010, che ovviamente riferisce dello stesso apparato da me “incontrato” e della medesima cordata incistatasi anche nella Procura di Roma.
Provvedimento architettato ed originato infine dalla mia denuncia di attività coperte ed in ambiente militare protetto, poi dalle coperture eccellenti , svelate tramite la ragionevole certezza di metodi ed attività gestite da servizi ed apparati con diretta partecipazione di tre magistrati, infine persino attraverso la analisi del caso Marrazzo, indicando una partecipazione di attività coperte in ambiti militari e la presenza di elementi che conducono anche in quel caso non solo a via Gradoli ma anche alla Cecchignola ed al mondo militare “deviato”, ma anche la coesistenza di attività criminali parzialmente coperte a cavallo tra camorra criminalità organizzate ed apparati militari deviati. Proprio i traffici in parte scoperti dalla Procura di Teramo dove sono stato sentito come persona informata per tre ore nel novembre 2011.
Ovviamente la forma di progressione pubblica delle denunce ed analisi mie, condivise ed ascoltate oltreché lette ormai da milioni di persone, è stata il frutto pubblico della violenza criminale esercitata da una specifica cordata intenta al fine poi "praticato" a mio specifico danno, ed è stata “amplificata” anche dalla necessaria autodifesa.
Così ora l'Italia continua a vedere provvisoriamente dispensato dal servizio “il” magistrato, mai neanche oggetto di un rilievo professionale, addirittura indicato come il migliore finanche in una audizione del luglio 2010 verbalizzata, e "dispensato per inettitudine" in base alla più smaccata legge del contrappasso "invertita" mai applicata, costernato anche il foro romano.
Coinvolta una filiera di tre psichiatri legati storicamente ai servizi, fornite tonnellate di prove dirette, indirette ed audio e molto di più vi è anche un sospetto fondato, non certo solo mio, e oggetto di prova diretta da persona informata , di un ordito di lungo periodo, anche questo riscontrabile almeno per le vie brevi negli interna corporis anche a Lei NON preclusi.
La insostenibilità su vari piani, ed anche internazionale, di questa vicenda, e del crescendo di informazioni in atto, appare a sua volta evidente e non controvertibile.
La possibilità di revisionare la decisione adottata, alla luce di nuovo sopravvenuto vaglio e del principio immanente della permanente rivisitabilità dei casi e dei giudizi “tecnici” (veri od artefatti) vi è.
Così come emergono anche su un piano formale innumerevoli irregolarità, vizi , una sola attività a discrezionalità tecnica palesemente assurda e manipolatoria, contraddetta da una decina di vere analisi e consulenze e persino da una certificazione pubblica.
Certamente la questione è chi e perchè abbia creato questo tentativo di distruzione e da quando, e se esso fosse come è diretto semplicemente ad eliminare un magistrato studiato per qualità ed attitudini , compresa la reale indipendenza .
La ennesima richiesta di reimmettere oggi “il” magistrato Paolo Ferraro con i due piedi nella scarpa "deontologica", che ha dato prova da sempre e da prima dello scontro finale, di rispettare e ben conoscere per tutta la sua silenziosa carriera, si fonda sulla CERTEZZA matematica (riscontrata) che Lei, come il precedente Ministro, conosce o può conoscere solo alzando il telefono.
Ribadisco che i connotati di questa incredibile ed inaccettabile vicenda rischiano seriamente, per il loro palese carattere Kafkiano di divenire, nonostante tutti gli sforzi per nascondere, un caso ancor più internazionalmente significativo.
Tutti i dati, i documenti con link e banche dati in rete a disposizione, sono già stati inviati a suo tempo al dicastero che Lei amministra, quando tra i vice capo di gabinetto vi era già allora anche magistrato coinvolto e comunque consapevole trasversalmente delle vicende e testimone (Cons. Filippo Vitello). Anche su questo una prova da diretta telefonata resa pubblica .
Non so se dati e documenti siano stati a suo tempo potuti valutare dal Ministro pro tempore. E non credo che a Lei il Csm metterebbe a disposizione il faldone di prove con due DVD depositato a suo tempo e nascosto di fatto, pretermesso. Le basterebbe oggi una semplice telefonata al Ministro dell'Interno e una, anche orale, informativa, leale, tramite i servizi, che ci risultano avere tutto a loro conoscenza e portata di mano, per essere serenamente assicurato della corrispondenza a valori, diritto e diritti, ma anche all'interesse pubblico e dello Stato, di una scelta amministrativa ma anche politica, discrezionale ed equa, percorribile in regime, ripeto, di Autotutela amministrativa.
Le chiedo quindi, data la radicale FALSITA' di qualsiasi "umano" addebito (di professionale non se ne è parlato nemmeno) di valutare la possibilità, comunque pendendo contenzioso in itinere ed in previsione della ulteriore estensione dello stesso, di revocare il decreto di dispensa, per motivi anche in senso lato di Giustizia.
Previo ogni eventuale approfondimento Lei può porre in essere un atto dovuto, nel rispetto delle leggi e dei valori del nostro sistema, e ho motivo di ritenere che Ella possa avere un quadro completo.
Ovviamente il mio impegno pubblico contro le relative attività eversive, a difesa dei valori della giurisdizione e Costituzione, è noto e trasfuso in documenti analisi e conferenze e segnato da interventi più o meno autorevoli di intellettuali e giornalisti. La mia storia di magistrato indipendente con radici di sinistra note, ma che creavano solo rispetto per la pulizia e trasparenza del mio agire giudiziario, è a portata di Sua conoscenza.
Con persistente fiducia nella legalità dello Stato Costituzionale attendo il gesto istituzionale che ridarebbe quel minimo di credibilità necessaria alle istituzioni e porgo a Lei e a chi voglia impedire questa deriva criminale, pericolosa per tutti e da tutti i punti di vista, l'invito a non temere di agire serenamente, secondo coscienza, verità, diritto e valori aderenti alla nostra Costituzione.
Le allego l'indicazione di una scheda informativa, tra le tante , già in rete, e già idonea mediante link ipertestuali e rinvio a banche dati a fornire un quadro completo.
Da ultimo Le indico che alle dimissioni da Magistratura Democratica di Giancarlo Caselli e di altri, nonché alle dimissioni dalla magistratura di molti, può fare da contraltare il rientro consapevole e serio del magistrato che Le scrive, potendosene agevolmente cogliere contesto e fini .
Un rientro, avversato e temuto da coloro che tramano all’ombra delle istituzioni, per assicurare almeno una vera presenza indipendente e consapevole nel mondo della giurisdizione piegato da attività meno visibili , quelle stesse che preoccupano sinanche l'arco politico di Governo [ http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/pier-luigi-bersani-prima-intervista-dopo-intervento-si-deve-votare-fiducia-223bd6af-63cb-4c4b-9815-e14584eee64b.html ]. Ormai quel novanta per cento che ho potuto apprendere è di pubblico dominio e lo sarebbe il restante .
Chiedo infine, e questa richiesta per la prima volta diretta al Ministro di Giustizia, di poter essere ascoltato direttamente da Lei, consapevole della delicatezza dei nodi ed interessi toccati, segnalandoLe, per la sincerità che mi contraddistingue, che non avrei mai potuto immaginare esattamente quanti e quali interessi toccai nel momento che mi accorsi di quel che si muoveva. La data risale al novembre 2008 e di mezzo ci sono due declaratorie ed una di assoluta “attitudine “ con tanto di sottolineatura in sede di istituzionale delle peculiari doti professionali di chi Le scrive . Ma il TERZO procedimento fu riaperto quando si era venuti a sapere che intendevo aprire alle conoscenze istituzionali la intera situazione , da me appresa, non volendo e subendo .
Debbo infine ribadire , anche se le apparirà ovvio, che il dovere di un magistrato è di non soggiacere ad alcuna violenza, diktat , minaccia, ricatto ed attività illegale . In questo consiste il riconoscere il principio di obbedienza ( alla Costituzione ) e solo in questo. A questo solo dovere potevo aderire e non avevo scelta, se non violando identità e giuramento fatto.
Roma 24 febbraio 2014
Paolo Ferraro



NOTA 1




NOTA 2
Una intera banca dati tra le tante , completa , è accessibile in rete all'indirizzo https://mega.co.nz/#F!UEJAGbKb!EwSLospLQUr8pMN0pH-ulg



sabato 22 febbraio 2014

DER SPIEGEL: ''L'UNIFICAZIONE EUROPEA E' SEMPRE STATA UN PROGETTO DELLE ELITE CONTRO LE PERSONE''

N.B. L'opinione dell'intervistato dal DIERSPIEGEL è da noi corretta e diversificata  con  un giudizio positivo però sull'ispirazione  del sistema normativo a tutela dei diritti, beni fondamentali e qualità del lavoro, vita e ambiente fermo restando la necessità di uscire dai patti iniqui e di modificare immediatamente il sistema monetario introducendo la moneta statuale sovrana, utilizzando anche se del caso il doppio regime transitorio nel mentre si tratta sulla generale eliminazione della EUROPA monetaria.  

Si ascolti la fase introduttiva della conferenza e video immessi sotto "QUALE EUROPA POLITICA QUALE EUROPA ECONOMICA"

DER SPIEGEL: 
''L'UNIFICAZIONE EUROPEA E' SEMPRE STATA UN PROGETTO DELLE ELITE CONTRO LE PERSONE''
venerdì 21 febbraio 2014

"QUALE EUROPA QUALE ALTERNATIVA"  20 febbraio 2014
LINK PER  LA DIRETTA SU CANALE YOUTUBE 

Wilfried Loth, professore di Storia alla Universitaet Duisburg-Essen e considerato uno dei massimi studiosi tedeschi del Novecento, ha rilasciato una straordinaria intervista al settimanale Der Spiegel




SPIEGEL: Professore, le Elite europee criticano il referendum svizzero, mentre molti cittadini europei condividono la stessa ansia degli svizzeri per gli immigrati. La sorprende la distanza fra le parti?
Loth: No, l'unificazione europea è sempre stata un progetto delle Elite. Fin dall'inizio, gli uomini di stato in carica non han voluto interferenze causate dalla partecipazione popolare e da varie associazioni d'interessi. Una politica di questo tipo porta naturalmente ad una discrepanza tra le Elite e le popolazioni.
SPIEGEL: La paura nei confronti della partecipazione popolare, è giustificata?
Loth: Evidentemente si. Tuttavia, non può funzionare in alcun altro modo. Prendiamo i trattati di Roma per esempio, attraverso i quali è stata fondata la Comunità Economica Europea (CEE), la più importante organizzazione precorritrice dell'EU. L'opinione pubblica tedesca era consapevole del contenuto dei trattati, mentre in Francia come da altre parti, sono stati applicati con la forza.
SPIEGEL: I trattati di Roma vengono considerati una pietra miliare.
Loth: Quella volta, la Repubblica federale tedesca non aveva assolutamente alcun interesse in quei trattati. Soltanto il 25% dell'export tedesco finiva nei cinque Stati cofondatori della CEE. Il ministro delle finanze Ludwig Erhard descrisse l'idea di un'unione economica come un "non-sense macroeconomico".  Anche per la Francia, un'unione di quel tipo sarebbe stata molto problematica.
SPIEGEL: Allora perché è stata fatta ugualmente?
Loth: Motivi politici. La Francia volle inserire la Bundesrepublik nella comunità occidentale per motivi di sicurezza. Anche il Cancelliere Konrad Adenauer perseguì questo obiettivo, per il semplice motivo che lui stesso non si fidava dei tedeschi dopo i tempi grigi del nazismo. Il contenimento dei tedeschi è sempre stato la principale forza motrice dell'integrazione. Oltre a ciò, vi era un secondo motivo, e cioè quello di affermarsi contro la supremazia americana, e ciò avrebbe potuto funzionare solo tutti assieme.
SPIEGEL: Lo scandalo NSA ha rinforzato l'Unione, soprattutto gli europei continentali.
Loth: Si, la pressione dall'estero è una costante fondamentale, che spiega molte accelerazioni sull'integrazione. Ciò accadde, per esempio, quando si volle evitare il rischio della nascita di una potenza nucleare europea negli anni '50, o più tardi quando si volle evitare di dipendere da una moneta come il dollaro, troppo soggetta alle crisi.
SPIEGEL: Non sarebbe stato più intelligente coinvolgere i cittadini nella strada per l'integrazione europea?
Loth: Da un punto di vista storico, non è poi così drammatico. Prendiamo per esempio gli Stati nazionali del XXI secolo. L'idea che tutti i tedeschi avrebbero dovuto vivere in un unico Stato, ha trovato approvazione soltanto tra le Elite. La maggior parte della popolazione non fu coinvolta e guardò con grande scetticismo a ciò che la classe media emergente stava mettendo in pratica. Nonostante ciò, nel 1871 venne fondato il Reich tedesco.
SPIEGEL: Non c'è mai stato un forte entusiasmo nei confronti dell'Unione europea?
Loth: Non nel senso come si racconta oggi in Europa. Bruxelles vuole farci credere che, dopo la seconda guerra mondiale, molti francesi, tedeschi, italiani ed altri usciti dall'esperienza bellica, sarebbero stati entusiasti di assicurare la pace attraverso l'integrazione europea. Questo entusiasmo, prosegue il racconto mainstream, sarebbe andato perduto con la morte della generazione della guerra.
SPIEGEL: Che cosa c'è di sbagliato in questo?
Loth: Dopo la seconda guerra mondiale, la quasi totale maggioranza dei Paesi del continente era stata d'accordo sulla creazione di un qualche tipo di federazione europea. Ma come sarebbe dovuta essere, socialista o liberale, unione economica o alleanza di sicurezza, con la Gran Bretagna o senza, le opinioni erano state totalmente contrastanti. Fino ad oggi, abbiamo una discrepanza tra l'Europa che vorremmo e l'Europa fattibile. Questo spiega, tra l'altro, perché l'integrazione europea si trova continuamente in crisi.
SPIEGEL: Anche Helmut Kohl racconta volentieri, che l'Europa sarebbe nata come un progetto di pace.
Loth: A livello di alta politica, si tratta di una leggenda. Il racconto di Kohl, infatti, è fuorviante. Tuttavia, è vero che c'è stata una relazione più stretta fra i popoli dove questo elemento emotivo ha avuto un ruolo importante.
SPIEGEL: Probabilmente, un relazione così debole, che nei secoli non ci si è fidati di coinvolgere le popolazioni.
Loth: Vabbé, è vero per esempio che non si arrivò mai a votare una vera riconciliazione tra Germania e Francia. Io credo che sarebbe stata molto popolare, nonostante tutto. Invece si scelse di puntare ad un progetto tecnocratico. Il premio Nobel per la pace che ha ricevuto l'UE non è stato assegnato per merito della sua stessa fondazione, ma soprattutto per la pacifica annessione dell'est europeo dopo la caduta del muro di Berlino.
SPIEGEL: Ritiene che i risultati conseguiti fino ad oggi dall'UE, siano resistenti alle intemperie politiche?
Loth: Fondamentalmente si, anche se non sono esclusi passi indietro. La tensione fra le convinzioni e le conoscenze delle Elite e le emozioni delle persone può portare ad un'escalation, con conseguenze molto problematiche. Il referendum svizzero è il miglior esempio. Ci sarebbe bisogno di una guida politica dall'alto, in passato chiamata Staatskunst (L'arte di Stato ndr).
SPIEGEL: Cosa ne deduce?
Loth: Prima di tutto, c'è bisogno che i decisori politici siano convinti, che l'obiettivo prefissato sia quello giusto, soprattutto per le persone di cui sono responsabili. Poi, è necessario che si sviluppi un rapporto di fiducia tra le controparti. Ed infine c'è bisogno di trasmettere la sensazione ai cittadini che la direzione scelta sia quella giusta.
SPIEGEL: Qual'è il Cancelliere che più si è avvicinato a questi criteri?
Loth: Adenauer si piazza certamente al primo posto, tallonato dal Kohl dell'ultimo periodo. Poi metterei Helmut Schmidt e Gerhard Schröder ed infine, staccata di parecchie lunghezze, Angela Merkel.
SPIEGEL: Come mai la Cancelliera è così distante da quei criteri?
Loth: L'elemento concettuale e strategico della Merkel è certamente molto meno pronunciato rispetto a Kohl oppure Adenauer. E con ciò non intendo dire che lei abbia un'idea troppo vaga di come l'Europa dovrebbe essere, ma solo come il suo modo di intendere la politica sia troppo pragmatico. Lo si è potuto osservare bene durante l'eurocrisi. La Cancelliera ha frugato nella nebbia e ha navigato a vista.
SPIEGEL: Helmut Schmidt è stato anche molto pragmatico come Cancelliere.
Loth: Schmidt ha vissuto una conversione molto interessante. Nel 1957 fu una delle poche autorità che si opposero alla ratifica dei trattati di Roma. Proprio per questo motivo, egli non viene ricordato molto volentieri. Negli anni '70 si schierò contro le ambizioni politiche di Willy Brandt e fu per molto tempo critico nei confronti di un'unione monetaria. Nonostante ciò, capì come la moneta unica fosse necessaria, e si adoperò per la sua realizzazione.
SPIEGEL: Ha fiducia che la Cancelliera possa cambiare rotta, proprio come Schmidt?
Loth: Non so se la Merkel sia in grado di superare la sua politica di navigazione a vista. L'attuale dibattito se la Germania debba prendersi più responsabilità nella politica mondiale, mi lascia parecchi dubbi in ogni caso. È significativo che il presidente della Repubblica abbia preso posizione nel dibattito, mentre la Cancelliera tace.
SPIEGEL: Come giudica la capacità della Merkel di guadagnarsi nuovi partner negoziali, come per esempio i francesi?
Loth: Fondamentalmente, la Merkel c'è l'ha dura ad inscenare amicizie politiche, in modo da poterle usare per fini superiori. In riferimento alla Francia, si può rimproverarla solo limitatamente. Il tandem franco-tedesco non sta funzionando soprattutto a causa della debolezza di François Hollande. In ogni caso, alcuni gesti solidali della Merkel nei confronti del presidente francese sarebbero stati di grande aiuto, proprio come Kohl nei confronti di Mitterand o come Schröder nei confronti di Chirac. Ma una cosa del genere non è proprio nelle corde della Cancelliera.
SPIEGEL: Rimane la domanda sulla capacità della politica di spiegare le proprie decisioni al popolo.
Loth: È mancato poco che la Merkel raggiungesse l'assoluta maggioranza nelle ultime elezioni di settembre 2013. Il popolo tedesco ripone molta fiducia in lei, e la situazione non cambierà molto nella sostanza, neanche a seguito di ulteriori decisioni impopolari di politica europea. Tuttavia il consenso politico europeo rimarrà debole nella società tedesca, fino a quando la Cancelliera non spiegherà meglio le correlazioni e le conseguenze di tali decisioni. Deve fare attenzione a non ricadere nei luoghi comuni e nei pregiudizi, che la gente ha nei confronti dei tedeschi.
SPIEGEL: A cosa si riferisce in particolare?
Loth: Invece di suggerire che non ci sarebbe bisogno di alcun ulteriore aiuto alla Grecia, dovrebbe prendere esempio dal ministro delle finanze Wolfgang Schäuble. Egli ha sempre cercato di spiegare il motivo per cui gli aiuti sarebbero necessari e che cosa ne ricaverebbero i tedeschi in cambio.
SPIEGEL: Molti tedeschi hanno la convinzione che la Germania, al contrario delle altre nazioni, faccia da sempre attenzione al bene comune.
Loth: Questo è un mito. Che si tratti di politica agricola o di politica doganale, come in altri settori, i vari governi tedeschi si sono sempre preoccupati di far valere i propri interessi, così come fanno i governi degli altri Stati europei.
SPIEGEL: E come ha funzionato durante l'eurocrisi?
Loth: In nessun altro Paese, il mantenimento dell'unione monetaria è così importante come in Germania. Se rinunciassimo all'euro, il nostro export crollerebbe, a prescindere dagli investimenti tedeschi negli Stati in crisi.
SPIEGEL: E come mai, allora, continuiamo a considerarci come i pagatori ufficiali d'Europa?
Loth: Il governo tedesco non ha pagato affinché il denaro venga consumato a vanvera, quanto per sostenere investimenti per lo sviluppo di Regioni economicamente in difficoltà. Nel lungo periodo, questo è un vantaggio economico, ma soprattutto politico dei tedeschi. La Germania non può permettersi alcun fallimento di Stato in Europa.
SPIEGEL: La riluttanza della Merkel a spiegare la sua politica, non sarebbe più adatta ai tempi, spiega nel suo ultimo libro. Il tempo dello sviluppo tecnocratico delle istituzioni europee, senza il coinvolgimento dei popoli, sarebbe scaduto.
Loth: Questo perché l'UE avrebbe raggiunto una sorta di profondo controllo a livello normativo. La fondazione della CEE nel 1957 non ha portato con se alcun visibile cambiamento. Per molti tedeschi, la CEE non ha mai contato nulla se non nel quiz televisivo di Hans-Joachim Kulenkampff  "Qualcuno vincerà". Oggi, l'Unione europea è conosciuta da tutti. Le decisioni di Bruxelles influenzano il quotidiano, fino al punto da scegliere se permettere la coltivazione di mais geneticamente modificato. Per questo motivo, i cittadini richiedono giustamente un coinvolgimento maggiore. A tale riguardo, il rafforzamento della rappresentatività dei popoli è un problema urgente, tanto che lo stesso Kohl lo riconobbe.
SPIEGEL: In che senso?
Loth: Come nella fase introduttiva dell'unificazione tedesca, quando Helmut Kohl affrontò il rafforzamento e lo sviluppo dell'unione politica, così fece in seguito a livello continentale, puntando essenzialmente al rafforzamento del Parlamento europeo, proprio perché capì, da buon politico specializzato in questioni interne, quanto malcontento si sarebbe potuto accumulare. Questo accadeva alla fine degli anni '80, e tuttavia, egli non risolse molto con il trattato di Maastricht, tanto che ancora oggi ci si trova di fronte al problema.
SPIEGEL: La situazione sta cambiando. Ci troviamo all'inizio delle campagne elettorali europee, in cui ,per la prima volta, i candidati di spicco si giocheranno, di fatto, anche la presidenza della Commissione.
Loth: Questo è un grande passo in avanti verso una maggiore legittimazione politica. Proprio ora si sta discutendo sulle alternative, sia a livello politico che di singoli candidati. Indifferentemente da chi vincerà, ne beneficerà la politica che il vincitore sceglierà di attuare, perché maggiormente legittimata rispetto ad oggi. Ed è molto probabile che aumenti anche la partecipazione elettorale.
SPIEGEL: La Merkel nutre ancora molti dubbi in questo modo di fare campagna elettorale.
Loth: Certo, ma una competizione fra i candidati di spicco porterà ad una forte politicizzazione della Commissione europea. Ciò potrebbe infastidire qualcuno, soprattutto quelli abituati all'attuale funzionamento istituzionale. Ma questo è un modo di pensare superato, non ha più molto senso tenerne conto per vincere le sfide di oggi.
SPIEGEL: Professore, la ringraziamo per questa chiacchierata.
Traduzione Matteo Thormann



ARTICOLO BOMBA DEL DER SPIEGEL: ''L'UNIFICAZIONE EUROPEA E' SEMPRE STATA UN PROGETTO DELLE ELITE CONTRO LE PERSONE''


"QUALE EUROPA QUALE ALTERNATIVA"  20 febbraio 2014


Quale Europa politica Quale Europa economica

"QUALE EUROPA QUALE ALTERNATIVA"  20 febbraio 2014
LINK PER  LA DIRETTA SU CANALE YOUTUBE 




DIRETTA ANCHE SUL BLOG www.paoloferrarocdd.blogspot.it 
INVITIAMO TUTTI A DIFFONDERE OVUNQUE L'INVITO https://www.facebook.com/events/445700998895364 E LA INFORMAZIONE SULLA DIRETTA CONDIVIDENDO l'EVENTO E USANDO IL TASTO AMICI (CONVOCA IN ALTO A DESTRA) 
Giovedì sera 20 febbraio 2014 alle ore 21 in diretta video INTERNET hangout sul canale del CDD vi sarà un dibattito su "Quale Europa politica Quale Europa economica Quale crisi Come uscire dall'EURO Come uscire dal progetto autoritario europeo Quale strategia storica politica e ed economico sociale per non ricadere nelle trame di apparati di potere e di classe". 
IL dibattito impostato (anche) intorno alle analisi e documenti rinvenibili su www.paoloferrarocdd.blogspot.it vuole aprire temi e costruire la necessaria identità nuova trasversale.
Rifondare e fondere idee e valori intorno ai tre poli del pensiero marxiano, cristiano sociale e social nazionale e verificare la dualità borghese di alcune identità sovraniste nazionali (massoniche) per dare le coordinate generali necessarie appare oggi necessario. 

Ed occorre superare ogni etero-direzione e la pratica della separazione delle identità e dei cervelli, gestita nelle forme note a qualunque serio intellettuale. 
La partecipazione diretta in video audio richiede solo la connessione da pc e sono previsti in presenza contemporanea 5 persone con eventuale intercambialità con altri. Contemporaneamente vi è una chat e domande risposte e partecipazione collettiva. 
La tua partecipazione è da ME particolarmente gradita e puoi chiamarmi sia al 3929069339 che via mail, su Fb o a paolo.ferrarocdd@gmail.com 
Paolo Ferraro 
  
L'indirizzo del canale è il seguente
mentre il link della diretta verrà messo un quarto d'ora prima della trasmissione indiretta, ovviamente, sia sul'evento che sul gruppo - CDD GRUPPO
https://www.facebook.com/groups/229578287225329/ 
e sulle pagine cdd
che ed infine sui diversi profili .

Una politica consapevole sui tre livelli del potere e una linea pura che superi le teorie ingenue della democrazia, del mondialismo e della sovranità nazional massonica .

117 Paolo Ferraro da Salvo5 0. 
Occorre una politica consapevole sui tre  livelli del potere politico sociale visibile, geopolitico internazionale e dei servizi , esoterico e associativo sotterraneo ( massonerie ) . 
Ed occorre andare oltre le TRE TEORIE INGENUE della DEMOCRAZIA, DEL MONDIALISMO E DELLA SOVRANITA' NAZIONAL MASSONICA . 
Uscire dai vincoli autoritari dell'EUROPA e dal cappio dell'EUTRO per una EUROPA nuova e verso un progetto politico sociale ed economico alternativi che facciano i conti non con ii bilanci e i debiti, o con la pretesa natura taumaturgica della sola sovranità monetaria ma con un modello storico nuovo da costruire insieme . 
Giovedì su questo canale il seguito con " QUALE EUROPA e QUALE ALTERNATIVA".  "Quale Europa politica Quale Europa economica Quale crisi Come uscire dall'EURO Come uscire dal progetto autoritario europeo Quale strategia storica politica e ed economico sociale per non ricadere nelle trame di apparati di potere e di classe".
Giovedì sul canale
https://www.youtube.com/channel/UCmxHOMY3HczAY6ob1TAzV5w il seguito con " QUALE EUROPA e QUALE ALTERNATIVA".  "Quale Europa politica Quale Europa economica Quale crisi Come uscire dall'EURO Come uscire dal progetto autoritario europeo Quale strategia storica politica e ed economico sociale per non ricadere nelle trame di apparati di potere e di classe". 





CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE




SCOOP  


 

 

 



CANALE VIMEO CDD


CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              

"Quale alternativa" Martedì sera 18 febbraio 2014 alle ore 21 DIRETTA CDD INCOPORATA NEL BLOG

Martedì sera 18 febbraio 2014 alle ore 21 in diretta video INTERNET hangout un primo dibattito del CDD su "Quale alternativa , quale forma e quale stratificazione della analisi politica economica e filosofica, quale progetto". ( L'indirizzo del canale è il seguente  https://www.youtube.com/channel/UCmxHOMY3HczAY6ob1TAzV5w mentre il link della diretta verrà messo un quarto d'ora prima della trasmissione indiretta , ovviamente, sia sull'evento che sul gruppo - CDD  https://www.facebook.com/groups/CDDComitatodiCoordinamentoDifendiamolaDemocrazia 
ed infine sui diversi profili )  

Quale alternativa

lunedì 17 febbraio 2014

RACCOMANDATA A FIRMA DI NICOLETTA GANDUS E DELLA COMMISSIONE PROBIVIRI DI MD . RISPOSTA


RACCOMANDATA A FIRMA DI NICOLETTA GANDUS E DELLA COMMISSIONE PROBIVIRI DI MD 
 in data 25 gennaio 2014 .  RISPOSTA 
Mi è arrivata "a presa per il " o a "messaggio implicito " o per errore  la raccomandata con la quale mi viene chiesto se Paolo Ferraro,  magistrato dispensato dal 7 febbraio 2013,  in uno scontro frontale con apparati deviati,  attraverso una delle più gravi attività di mobbing CRIMINALE massonico concertata , con partecipazione DIRETTA di  vari magistrati segnatamente della M.D. romano-campana ,  sia intenzionato, per  non subire procedimento sanzionatorio da vagliare a cura di Commissione di  probiviri,    a restare iscritto o meno a M.D.  .
Sono un magistrato democratico dal primo giorno del mio ingresso in magistratura . 
Avete consentito che quell'ordito criminale si sia sviluppato anche su piani generali , senza non solo sollevare un dito, ma chi vi ha partecipato direttamemte  INFILTRATO,  ha la tessera di M.D. .  
E' stata comminata in base alla legge invertita del contrappasso una  dispensa per  inettitudine a chi , noto , era ed è quello che anche tu non puoi non sapere . 
Dalle ricostruzioni complete e dai documenti e dati in mio possesso il favore è stato fatto a ( o il tutto può essere stato realizzato tramite ) organizzazione sotterranea che ha attenzionato Paolo Ferraro non per sue inettitudine  o per altro profili ( semmai artificialmente creati nel delirio da procedure Tavistock utlizzate all'insaputa del paese ) ,  ma   per le sue caratteristiche intellettuali e qualità  sin dal 1977 (1977 ! ). IN rete è stata immessa la telefonata in diretta di persona che collabora attivamente  coi servizi e   che descrive concretamente quanto appreso da un fascicolo riservato che mi riguarda posizionato nel luogo dove tu sai che essi esistono e sono attentamente custoditi . 
In prima fila ai tempi di Cossiga,  oggi dalla nuova e ricostruita organizzazione che io chiamo premettendo il SUPER, oggetto di tentativo di DISTRUZIONE , Paolo Ferraro resta  di M.D. , ma il GLADIO   lo devo tirar fuori dal cuore della gloriosa associazione che tramutandosi in ORGANIZZAZIONE  all'inizio degli anni novanta ha commesso la più grave mutazione genetica dal dopoguerra  mai vista .
E IL GLADIO va simbolicamente conficcato nel cuore del DRAGON ROUGE e altro che ha distrutto la identitò di MD con tecniche di falsificazione e savia  doppiezza, derivante da matrici di idee ed etnia che ripugnano alle logiche egualitarie ( non esistono RAZZE ELETTE ) . 
In rete  vi sono centinaia di migliaia di articoli documenti e banche dati , c.a. 300.000 versioni delle mie conferenze ed interviste.
Cacciate apparati deviati, magistrati con casa ad Honk Kong, fate procedimenti disciplinari a magistrati in rapporto stretto con elite deviate militari da prima di diventare magistrati ( in rete anche la prova audio e telefonata di persona informata sui fatti ). O fate quello che volete fare . 
M.D. è Paolo Ferraro e Paolo Ferraro ed i magistrati veri  di M.D. restano M.D.  . M.D.  non lo è restata . 
 Ti invito a comunicare la presente a tutta MD ed a studiare la portata di quello che è stato fatto, da chi e come,  vagliando da MAGISTRATO le prove e semplicemente LA MIA indiscussa, identità., nonostante  protocolli denigratori e distruttivi insensati che hanno gettato il discredito più clamoroso su tutta la magistratura .  
Roma 17 febbraio 2014. 
                                       Paolo Ferraro




CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE


SCOOP  


 

 

 



CANALE VIMEO CDD


CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              

UN SENTIERO DI MONTAGNA DISSESTATO che fare ?

UN SENTIERO DI MONTAGNA DISSESTATO 
 che fare ?

Se dobbiamo attraversare un sentiero di montagna dissestato e cosparso di trappole, buche, esplosivi sotterrati, fucilieri occultati pronti a mitragliare, per arrivare ad un castello cui mirano anche altri per finalità di potere opposte (la sovranità ambigua gestita dalla borghesia massonica nazionale e sventolata a fini eversivi sempre di casta*) dobbiamo avere una mappa completa ed un programma di lavoro su vari piani.

Esistono due concezioni e due fini diversi della/e sovranità, della democrazia, e una sola democrazia diretta, e due modi radicalmente diversi di inquadrare la crisi e la svolta storica e socio politica ed economica .
Una è quello del popolo, l'altra è delle massonerie borghesi a vocazione nazionale od internazionale, consociate a poteri di etnia o di componenti di grandi organizzazioni insediatesi attraverso il potere spirituale religioso reso terreno e deviato dai fini.

1. IL MONDIALISMO ED IL SOVRANISMO NAZIONALE FRAMASSONICI E MASSONICI. UNA PRIMA CONSAPEVOLEZZA DA ACQUISIRE .
La sovranità della classe massonico borghese e dei professionisti della media borghesia nazionale che vogliono tornare ad essere egemoni (affratellati negli affari e nella ricchezza che vedono messi a repentaglio da strategie economico mondiali che ridisegnano il potere della classe dominante sempre più diretta dalla componete squisitamente finanziaria, e da apparati coerenti con l'assetto globale del capitalismo finanziario) è una delle forme del perpetuarsi del dominio, pronto ad essere condiviso con le massonerie a vocazione internazionale, ridisegnati i rapporti di forza se debitamente corretta la rotta.
La borghesia massonica è realmente raccolta intorno al condiviso grande partito sotterraneo consociato, fatto di mille realtà frazionate (spesso mero specchietto per allodole) solo superficialmente in lotta fra loro ma unite nel fine di perpetuazione del potere.
Poche riflessioni danno accuratamente conto di ciò e quasi nessuna più accuratamente del cemento sotterraneo condiviso del potere che usa tra i suoi strumenti la propaganda per slogan contrapposti, mirando solo a ricostruire in forme nuove il potere di classe di chi lo ha sempre detenuto.

Marciare contro il mondialismo imperialista e contemporaneamente contro la sovranità (eversiva o meno) di massonerie borghesi a vocazione nazionale, e disarticolare gli apparati e strumenti condivisi, è il solo modo di marciare con e per il popolo.
Contemporaneamente occorre perciò smascherare l'antimondialismo di facciata, manipolato, che usa mega simboli e nomi altisonanti (in parte reali) solo per distrarre ed instradare la gente, sfruttandone il generico ribellismo per farla aderire inconsapevolmente al progetto massonico nazionale.
La strategia di limitarsi ad affermare verità (parziali) e princìpi auspicabili senza alcuna intenzione di realizzarli e anzi agendo in senso opposto ma anche volendo realizzarli per FINI diversi dai nostri è uno dei nodi essenziali del problema che dobbiamo affrontare.
Più volte abbiamo detto che l'Idra ha più teste e che il disegno nazionale intermedio, come medicina di fase alla crisi strutturale è parte della esperienza dei sistemi capitalistici : nel novecento l''esperienza si rivoltò alla fine contro alcuni strateghi sotterranei e finanziatori o mallevadori ( garanti ) delle vie nazionali. Ma l'accerchiamento lento , i compromessi , il pragmatismo , ed il controllo infiltrato avevano già avuto ragione delle esperienze social nazionali .
La guerra e la sconfitta nella guerra furono lo strumento per rimettere in occidente ed in Giappone le lancette dell'orologio al 1929 e praticare la via Keynesiana in veste di Welfare ( il mito caduco del progresso permanente e del benessere, del consumo infinito e della produzione infinita , dello Stato sociale e dei diritti senza intaccare le fondamenta capitalistiche dei sistemi ) .
Oggi è stato previsto anche l' egemonizzare e il manipolare quella alternativa di percorso preventivamente , scanso pericoli eventuali .
Mentre le vie nazionali e la rinuncia provvisoria al tragitto mondialista ed al profitto da moneta a debito, è semplicemente oggi una eventualità messa in conto anche dagli stessi oligarchici poteri finanziari internazionali. A termine . E questa necessità/eventualità agevola le massonerie nazionali in parte , e le cellule non più lasciate quiescenti .
E’ necessario poi tra le varie cose, smascherare anche la trama sotterranea e dispersiva delle scuole para-esoteriche dei complottismi solo apparentemente antisistema ma in realtà funzionali ad esso, strutturati o lasciti proliferare, ed infiltrati anche per annebbiare e confondere, distrarre e far girare a vuoto. O destabilizzare assetti culturali che rendono non fluido il controllo . E ne abbiamo analizzato ed indicato caratteristiche, scopi metodi e ruoli su un piano generale .

2. LA TRAMA SOTTERRANEA DEI POTERI E STRUMENTI COSTRUITI E LA NECESSITA' DI RECIDERNE LA POTENZA, SVELANDOLI , AFFRONTANDO PUBBLICAMENTE LA QUESTIONE RENDENDOLI OGGETTO DI CONCRETA INIZIATIVA POLITICA . UNA SECONDA CONSAPEVOLEZZA DA SVILUPPARE .

La strategia per un progetto economico sociale nuovo e per le sovranità vere inoltre passa necessariamente attraverso l’analisi, la denuncia, la distruzione e la neutralizzazione delle roccaforti, delle trappole e delle postazioni immesse lungo il percorso, già utilizzate per controllare e gestire sotterraneamente un simulacro di democrazia, tra ricatto, violenza, manipolazione e progetti di controllo sociale ed informativo.
Chi nasconde ed evita questo argomento, o lo rende astratto e meramente informativo, chi non adatta la tattica e gli obiettivi anche in questo senso, nasconde la appartenenza ad apparati trasversali che condividono proprio quegli strumenti o è semplicemente stato messo in condizione di non capire.
Abbiamo alle spalle generazioni di uomini e donne allevati prima alla scissione tra destra e sinistra, poi attraverso INTERNET , ma per aggirarne la autonoma potenza informativa, alla scissione tra mondialismo e sovranismo nazionale.
Noi pur leggendo di apparati condivisi e cemento comune delle massonerie borghesi abbiamo perso il senso critico non appena si sono infiltrati manipolanti abili imbonitori di piramidi internazionali o miti nazionali, senza verificare se questi facciano in realtà sotterraneo riferimento ad apparati COMUNI sottostanti.
Una analisi a più livelli e sugli intrecci reali ma nascosti è l'UNICO rimedio anche sotto questo profilo .
Gli obiettivi integrativi ed intermedi che ne derivano sono il mezzo per arrivare realmente alla sovranità dei popoli e a sistemi socio-economici e politici nuovi, dato che per sessanta anni hanno costruito proprio ciò che più accuratamente nascondono e che nascondono quasi tutti, da una parte ( fittizia) e dall'altra ( fittizia ).
E se non fosse stato necessario tutto questo anche per controllare la evoluzione e la potenzialità delle democrazie ( a prescindere in questa sede dal piano strategico e “finalistico “ ) non avrebbero investito uomini, risorse ingenti, studi ed attività di portata ciclopica.
E se fosse bastato il mero potere economico finanziario non tradotto in strumenti articolatissimi e nascosti di dominio, non avrebbero certo realizzato, perseguito e gestito tutto quello che andiamo svelando insieme.
E se bastasse lamentarsi delle scelte e degli strumenti visibili giuridici , politici ed economici realizzati a ogni piè sospinto , o analizzare solo quelli , non saremmo stati al palo per venti anni .
E facendo così alcuni di noi continuano a scambiare i risultati raggiunti per il mezzo, appiattendo la visione degli strumenti effettivamente attrezzati per poterne assicurare il raggiungimento .
E continueremo a stare al palo sino a che in una importante quota non avremo valutato la semplice verità seguente : la rimozione di ciò che hanno creato scientemente e necessariamente le massonerie borghesi dominanti , per il governo sotterraneo e reale, ma anche per il libero aprirsi di scelte e strategie economico politiche, è la condizione dell'alternativa e il mezzo e lo strumento anche della azione politica che voglia concretamente trasformare .
Senza ciò non si va da nessuna parte e il regno dell'inganno delle massonerie borghesi pervaderà anche le aree consapevoli , ma non del nuovo inganno .
Chi nomina solo l'obiettivo Sovrano e magari contrabbanda per battaglia politica utile la propaganda a colpi di esposti generali, o di articoli indignati, non solo non spiega quale sentiero, ma nasconde di fatto o per volontà insidie profonde e concrete. Si vuole così EVITARE da parte dei lungimiranti infiltrati che venga fatta propria dalle gente la tattica e politica che le rimuova e miri a fare della rimozione concreta , in corso d'opera , una parte essenziale e comunque necessaria della attività politica concreta .
L'assunto che la sovranità è il rimedio e che nella realizzazione di questa si assorbe tutta la attività è quindi un abile ed insidioso sillogismo invertito .
La/e nuova/e sovranità sono il risultato primo storico da raggiungere e l'obiettivo per rifondare dagli ambiti territoriali congrui le organizzazioni .
Tattica, passaggi concreti, strategie intermedie, smascheramento e denuncia ed eliminazione di apparati nascosti e strumentazioni sono invece il mezzo necessario, e questa proprio è la concreta dimensione tattica della "politica" che non si vuole venga agìta effettivamente dalla gente .
Gli abili nemici-amici vicini. e quei poteri perpetuati condividono quel cemento sotterraneo, nel fine ultimo e negli interessi ed anche negli strumenti , magari confliggendo ma solo per il predominio .
UNA IMMAGINE: Il fine ed interesse è il gioco del rugby , la partita e le vittorie sono il modo ma il gioco è unico e CONDIVISO . La gente sta sugli spalti, privata del gioco, ignorando le regole nascoste e gabbata dalle regole visibili.
Essi abili e doppi sanno che lo slogan generale e l'idea astratta lasciano liberi ed impregiudicati i fini ( loro ) e intendono arrivare a conservare o contrastare nuove strategie o raggiungere queste ultime, senza far sapere , mentre la gente “consapevole” ma abbindolata pensa che indicare la priorità logico storica basti. Ed una schiera ristretta ma attiva e attivata di operatori culturali lavora invece scientemente in questa direzione.
Il popolo e le classi subalterne e persino la piccola borghesia colta, ma non legata a circuiti professionali di potere sotterraneo e non, vengono così con il concreto insegnamento manipolatorio di una politica astratta o contro il mero visibile teatrino, distolti dalla comprensione della necessità di eliminare i meccanismi sotterranei di controllo che costituiscono il vero ostacolo frapposto e che hanno costituito lo strumento di realizzazione del potere della classe dominante .
E dominante sia nella sua versione strategico mondialista che nella strategia di autoconservazione nazional sovranista . Due squadre che giocano il medesimo gioco e non svelano schemi, attività negli spogliatoi , allenamenti ed attività “in ritiro “ .
Alla gente viene sottratta così la semplice verità secondo la quale nessuna consapevolezza e nessun percorso politico consapevole potranno divenire reali volontà e capacità di trasformazione politica egemoni , sino a che noi stessi daremo spazio alla politica ridotta a slogan generale ed indicazione del mero obiettivo finale o pratica dell'agire sul piano “politico economico monetario “

3. IL SUBLIME INGANNO CONSAPEVOLE NELL'INGANNO INCONSAPEVOLE: L'ANTISIGNORAGGISMO SOVRANISTA MASSONICO.
Premetto una sintesi estremizzata ma chiara per sollevare dall'onere di seguire ragionamenti in effetti un pò troppo articolati e faticosi .
Questione della moneta e del signoraggio possono essere strumentalizzati e piegati a fini ultronei. Per questo piacciono a ex gladiatori, economisti a loro simpatici qualche militante di apparati non del tutto visibili e massonerie nazional sovraniste massoniche. E' un modo come un altro per tenere in mano le redini delle espressioni della politica in attesa di ritrasferire a livelli nazionali i poteri di classe delle massonerie (tanto il cemento condiviso sotterraneo NON si tocca) e così si spiega, finalmente, come pidduisti ed elite militari sponsorizzate sotterraneamente da oltre oceano ma persino economisti con un minimo di saggezza non solo cavalchino ma gestiscano anche la strategia tradizionale del tempo delle crisi strutturali. Può essere il modo di preservare il capitalismo e il modo di produzione e preservare il potere delle caste borghesi massoniche rigorosamente gestendo il tutto...che se scappa di mano...”.
Minimizzare o far scemare la portata filosofica, teorica ed emancipativa del concetto di moneta ricondotto a mero valore rappresentativo dello scambio, e la valenza implicita di progettazione di una società fondata su valori solidali contrapposti al capitalismo è stato un gioco da ragazzi. Ma se ne sono accorti in molti.
Un punto debole della importante teoria del signoraggio, a parte le discussioni tecniche sul modo di realizzazione del debito e profitto da monopolio privato retribuito della emissione di moneta, non era certo la verità che ormai appare dinanzi a tutti gli occhi.
I sistemi finanziari internazionali governano l'umanità e distruggono Stati piegando le società col debito. La ferrea legge dell'economia e del profitto finanziario è una atomica ad orologeria ed hanno certamente costruito nuove piattaforme giuridiche e di potere pronte a subentrare (L'Europa e l'euro delle grandi banche private). Tutto ciò grazie però allo svuotamento della dimensione politica e di autodeterminazione dei popoli. In Italia si è potuti arrivare a tutto questo anche tramite il dispiegarsi sotterraneo degli strumenti costruiti per occupare in progressione i gangli dello Stato e piegare diritto, politica ed interessi economici locali, mentre venivano agevolate e gestite anche derive sociali, irreggimentata e codificata la informazione e specialmente infiltrate con varie tecniche le elite più delicate (il mondo militare prima e la magistratura poi), infine ramificando vari sistemi di pressione e controllo sociale.
La vera questione delle questioni è però che la speculazione finanziaria e la moneta speculativa non sono una sola costante universale (e vi sono pure eccezioni) ma sono sempre anche una variabile dei sistemi storici concretamente determinati.
Quindi far ragionare in termini esclusivi di Signoraggio universale assumendo il piano monetario come unico e dirimente ha creato una non consapevole falla teorica, o meglio il bug (direbbero gli informatici) che ha agevolato l'ingresso di virus politici e di programmi maliziosi.
Il capitalismo finanziario nell'era delle oligarchie e dei progetti mondialisti che guadano il fiume della storia tentando di progettarla e dirigerla a fini di dominio stabile e di riaccumulazione della ricchezza reale, incontra con la esplosione finanziaria anche la crisi strutturale dei sistemi e dello stesso profitto produttivo in occidente, cioè del meccanismo motore dell'era ultima.
E il potere finanziario ed economico non è stato scisso dal profitto capitalistico mediante produzione distribuzione e vendita delle merci.
Anzi il motore primigenio della ricchezza, esaurita la fase della accumulazione e del profitto “mercantile”, è stato il produrre, vendere, creare un circuito di perenne aumento della ricchezza e perenne aumento tendenziale del consumo, convogliamento ed orientamento della domanda e dei bisogni e via dicendo.
La moneta ed il potere finanziario sono il prodotto finale ed ultimo di un percorso durato tre secoli. La moneta come strumento di indebitamento di Stati e società si colloca in questa ultima fase concreta con le sue ultime drammatiche specificità concrete.
La teoria del Signoraggio, apparentemente svincolata da questa esigenza di concreta determinazione, si è mostrata plasmabile ad esigenze e fini eterogenei.
E qui piomba l'uso suggestivo e manipolatorio della stessa che MIMA i concetti ma li svuota di consapevolezza storica.
Il nemico sono “LE BANCHE” “IL GRANDE CAPITALE FINANZIARIO”, la soluzione è la moneta statuale sovrana, la soluzione nominalistica massonico borghese nazional sovranista è il sistema della circolazione monetaria a fondamento statuale e apparentemente social nazionale (e la soluzione statuale con buona pace anche dei signoraggisti d.o.c. estranei alla nostra riflessione qui, fu indicata da KARL MARX centocinquanta anni fa) .
Così impostata la questione si può non parlare di modo di produrre, di sistemi economico sociali, di potere e dominio di caste diverse dalla casta superiore da elite finanziarie. E si può tranquillamente nascondere che la soluzione della circolazione monetaria sia una tappa intermedia necessaria già sperimentata dal capitalismo (nazionale). Poi di autodistruzione e del crack ambientale se ne parli, ma a parte, che sarebbe solo il prodotto di errori di scelta, non il risultato storicamente necessario dell'insensato modo di produzione capitalistico.
Ma soprattutto non si deve fare i conti a fondo con il nodo storico economico fondamentale.
Brutalizzando la questione: la moneta speculativa capitalistica è il prodotto del capitalismo, il capitalismo morigerato nazionale non inverte la storia e le tendenze immanenti alla legge del profitto restano se l'orizzonte politico economico e storico resta quello. O meglio, e qui si svela un po' direttamente l'arcano, non esistono proprio come categoria per i “signoraggisti strumentali”, perchè quel che conta è ripristinare la posizione e la ricchezza ed interessi delle borghesie nazionali. Poi qualcuno storicamente vede e provvede.
Ma vi è un secondo nodo ovviamente da non nominare per i signoraggisti sovran-massonici.
Esso sta nel complesso delle questioni da noi indicate all'inizio. Trame, cemento del potere, divisione in classe ed elites dominanti e altre classi e ceti, dinamiche sotterranee e di controllo, metodologie armi sociali e progetti di dominio...si annebbiano nella efficienza politica universale del termine “SIGNORAGGISMO” divenuto slogan universale.
E tutte le questioni che ruotano intorno ad alleanze internazionali, nuove piattaforme economico sociali, letteralmente svaporano.
Si parla sempre su tabloid di tutto ma, nel “tutto complottista gestito”, i temi risultano slegati o per l'appunto finalizzati esclusivamente in quella chiave “antimondialista“ di cui abbiamo anche illustrato limiti e caratteristiche nel documento precedente pubblicato sui blog del CDD.
Tutto vero in tutto od in parte, ma gestito per celare di fatto una concreta strategia di classe e di classe sotterraneamente organizzata.
A ciliegina sulla torta, un recente “fiorellino” di un noto avvocato su nota rivista appena divenuta tabloid giornale in rete con una evidente accentuazione di rotta redazionale. Nel mondo vi sarebbero la CLASSE A, mille o poco più grandi capitalisti banchieri, e la CLASSE B (tutti gli altri). E le classi aula M e C ( massonerie consociate ) a chi le diamo ?!

IL CDD. METODO ANALISI GENERALE ED IDEE PROGRAMMATICHE
ASSICURARE UN PERCORSO POLITICO CONSAPEVOLE PER UNA ALTERNATIVA REALE.
UN AGIRE POLITICO LUNGIMIRANTE E SU PIU' PIANI CONTRO LE TEORIE INGENUE CHE MANIPOLANO.


Non informati il  presidente della Repubblica Francesco Cossiga e i vertici del SISMI, Il 26 febbraio 1991 il presidente del Consiglio Giulio Andreotti invia alla commissione Stragi una relazione su GLADIO. 
La effettiva  data di inizio delle attività coperte e del funzionamnto di queste sotto una comunue organizzazione, o in forme organizzative diverse, e in epoche storiche diverse, può  essere anticipata di c.a  decennio, anche sotto altra sigla tendente comunque alla estensione dello “Stay-Behind”, tra il ‘43 e il ’55. 

On.le Giulio Andreotti presidente del Consiglio dei Ministri 

PREMESSA

L’esistenza dell’Organizzazione denominata “Gladio” è venuta pubblicamente alla luce nel corso delle indagini condotte dalla magistratura relative a fattispecie delittuose verificatesi negli anni ’70.

Il Governo, anche per aderire a specifiche istanze formulate dal Parlamento, e tenuto conto dei mutati equilibri tra le Nazioni europee, ha ritenuto di soddisfare le esigenze conoscitive dell’Autorità Giudiziaria, consentendo agli inquirenti l’accesso agli archivi dei Servizi di sicurezza. Una documentazione sulla “Gladio” venne inviata al Comitato parlamentare per i servizi di informazione e sicurezza ed alla Commissione parlamentare d’inchiesta sulle stragi ed il terrorismo. Una comunicazione sulla materia venne fatta dal Presidente del Consiglio dei Ministri l’8 novembre 1990 al Senato e l’11 gennaio 1991 alla Camera dei Deputati. Si è ritenuto specifico dovere fornire una piena ed incondizionata collaborazione, tant’è che il Governo ha revocato il segreto di Stato che, a suo tempo, era stato opposto e confermato su documentazione attinente alle indagini.

Se e’ vero, infatti, che l’attività dei Servizi deve essere circondata dal massimo riserbo, è anche vero che, se vengono meno i presupposti che giustificano tale riserbo ed in presenza di specifiche esigenze, è possibile far conoscere determinate informazioni di interesse.

D’altra parte, l’attività dei Servizi di sicurezza, che si svolge, sulla base di particolari criteri di metodi e discrezionalità, deve sempre rientrare nello stretto alveo delle finalità istituzionali da perseguire. Ogni volta che non si e’ osservato questo principio si sono verificate isolate deviazioni che hanno danneggiato l’immagine degli Organismi informativi con negativi riflessi sull’amministrazione civile e militare dello Stato e l’armonia tra le forze politiche, turbata da sospetti ed indebite ingerenze nella sfera privata, per fatti del tutto personali che non hanno alcun rilievo in relazione alla fedeltà ai principi costituzionali.

Il Governo, sulla base di esame obiettivo degli atti, può escludere che l’organizzazione “Gladio” – creata per contrastare un’eventuale occupazione nemica del territorio nazionale – sia stata impiegata al di fuori dei compiti istituzionali, che prevedevano, per il tempo di pace, l’effettuazione di attività addestrative. Il solo caso di prospettato, diverso impiego della struttura, si e’ verificato nell’agosto 1990. Il Direttore del SISMI (L’Amm. Fulvio Martini. NDR), senza informare l’autorità politica e senza alcuna autorizzazione – che, ove richiesta, non sarebbe stata concessa – ha impartito disposizioni acchè il personale appartenente alla “Gladio” venisse gradualmente

addestrato a recepire “indicatori di attività illegali”. Tale iniziativa, della quale il Governo e’ venuto a conoscenza il 13 dicembre 1990 è stata censurata dal Ministro della Difesa perché non pertinente con le finalità istitutive dell’organizzazione clandestina “Stay-Behind”.

Il Governo ha fatto e farà tutto il possibile per fornire la massima collaborazione al Parlamento ed alla magistratura, nella convinzione della piena legittimità della struttura, costituita in determinate circostanze storiche e confluita progressivamente in un contesto operativo strettamente collegato alla pianificazione militare dell’Alleanza Atlantica.

La presente relazione, oltre a costituire un ulteriore strumento conoscitivo, offre al Parlamento una organica ricostruzione dei presupposti, del funzionamento e degli aspetti giuridici dell’intera vicenda. Cioè nell’intento di contribuire a far chiarezza sui fatti.

1. L’ACCORDO “STAY-BEHIND”.

Il Servizio Informazioni delle Forze Armate (SIFAR) mise allo studio, fin dal 1951, la realizzazione e la gestione di una organizzazione “clandestina” di resistenza, mutuata dalle precedenti esperienze della guerra partigiana, per uniformare e collegare in un unico, omogeneo contesto operativo e difensivo le strutture militari italiane con quelle dei Paesi alleati. Reti di resistenza erano state organizzate in quell’epoca dalla Gran Bretagna in Olanda, Belgio e, presumibilmente, in Danimarca e Norvegia. La Francia aveva provveduto per i territori tedeschi ed austriaci sottoposti al suo controllo e, per il territorio nazionale, fino ai Pirenei.

Anche la Jugoslavia, dopo la rottura con Mosca, aveva orientato la sua preparazione militare essenzialmente su questo tipo di operazioni speciali.

Il 2¶ novembre 195¶ veniva conclusa dal SIFAR e dal Servizio americano un’intesa di reciproca collaborazione relativa alla organizzazione ed alla attività del complesso clandestino post-occupazione comunemente denominato “Stay-Behind” (stare indietro), il quale prevedeva la costituzione di reti di resistenza addestrate ad operare, in caso di occupazione nemica del territorio, nei seguenti campi:

- raccolta delle informazioni,

- sabotaggio,

- guerriglia,

- propaganda ed esfiltrazione.

Tale ultima attività rivestiva nel complesso operativo di particolare importanza e delicatezza, attesa la necessita’ di mantenere i collegamenti fra le zone occupate ed il territorio libero.

Con la conclusione di tale intesa vennero definitivamente poste le basi per la realizzazione dell’operazione indicata in codice con il nome di “Gladio”. Elemento essenziale dell’intera operazione era l’installazione in Sardegna di un Centro destinato a:

- fungere da base di ripiegamento;

- dirigere le operazioni delle reti clandestine post-occupazione;

- addestrare il personale.

Tale Centro, denominato Centro addestramento guastatori (CAG), la cui costituzione venne finanziata con fondi USA, e’ stato utilizzato in seguito non solo per l’attività addestrativa degli appartenenti alla “Gladio”, ma anche per quella di personale operativo dei Servizi di informazione e sicurezza italiani ed appartenenti a Paesi alleati e di unita’ delle “forze speciali” nazionali e NATO.

L’opzione Sardegna, quale territorio destinato ad ospitare la “base operativa” della “Gladio”, non fu casuale, ma era coordinata con i piani all’epoca predisposti dallo Stato Maggiore Difesa italiano, che prevedevano l’attuazione di tutti gli sforzi per “mantenere” l’isola nell’ipotesi di invasione straniera del territorio nazionale.

2.PARTECIPAZIONE ITALIANA AGLI ORGANI COLLEGIALI DI COORDINAMENTO DEL SETTORE.

Una volta costituito l’organismo clandestino di resistenza, l’Italia fu chiamata a partecipare quale membro effettivo ai lavori di alcuni organismi operanti in ambito NATO.

A partire dal 1959, entrammo a far parte del Comitato clandestino di pianificazione (CPC), operante nell’ambito dello SHAPE (Supreme headquarters allied powers Europe). Detto Comitato aveva il compito di studiare la condizione dell’attività informativo-offensiva in caso di guerra, con particolare riferimento ai territori di possibile occupazione da parte del nemico: in esso erano già rappresentati gli USA, la Gran Bretagna, la Francia, la Germania ed altri paesi della NATO.

Nel 1964, il nostro Servizio informazioni entro’ nel Comitato Clandestino Alleato (CCA), organismo destinato a studiare e risolvere tutti i problemi di collaborazione fra i diversi Paesi per il funzionamento delle reti di evasione e fuga. Di questo Comitato facevano parte: Gran Bretagna, Francia, USA, Belgio, Olanda, Lussemburgo e Germania Occidentale. Inoltre, il necessario raccordo strategico nell’ambito dell’Alleanza Atlantica tra le attività di guerra non ortodossa, affidate alle reti clandestine di resistenza, e le operazioni non tradizionali effettuate, in territorio nemico o invaso dal nemico, dalle forze

militari regolari, veniva attuato attraverso apposite direttive emanate dal Comando Supremo Alleato in Europa.

3. L’OPERAZIONE “GLADIO”.

L’organizzazione riservata realizzata dal SIFAR nel territorio nazionale consisteva in una struttura:

- controllata da quella informativa ufficiale;

- formata da agenti operanti nel territorio che, per età, sesso

ed occupazione avessero buone possibilità di sfuggire ad eventuali

deportazioni ed internamenti;

- di agevole gestione anche da parte di una struttura di comando

esterna al territorio occupato;

- coperta da massima segretezza e per tal ragione suddivisa in un

“ordinamento cellulare”, cosi’ da ridurre al minimo ogni danno

derivante da defezioni, incidenti o “sforamenti” della rete.

La rete riservata di resistenza si articolava nei seguenti settori di attività:

- informazione;

- sabotaggio;

- propaganda e resistenza generale;

- radiocomunicazioni;

- cifra;

- ricevimento e sgombro di persone e materiali.

Ognuno dei settori di attività suindicati doveva operare in modo indipendente dall’altro, del quale in teoria doveva sconoscere l’esistenza con il raccordo e la coordinazione in caso di necessita’ della già menzionata base esterna di ripiegamento individuata in Sardegna. La costituzione e l’organizzazione della struttura di resistenza comportavano:

- la formazione del personale direttivo attraverso apposito corso di istruzione presso la TRAINING DIVISION dell’”Intelligence Service” britannico;

- il reclutamento dei capi rete e degli agenti da individuare con il concorso del Servizio informazioni;

- la pianificazione geografico-operativa delle varie attività nell’Italia settentrionale, da concordare con gli uffici operazioni delle tre Forze Armate e con il Servizio informazioni USA;

- la scelta del materiale d’accordo con l’Intelligence americana;

- un apposito stanziamento di bilancio;

Il 1 ottobre 1956 era stata costituita, nell’ambito dell’ufficio “R” del SIFAR, una Sezione addestramento, denominata SAD (Studi Speciali e Addestramento del personale). La sezione ai cui responsabili verrà demandato il ruolo di coordinatore generale dell’operazione “Gladio”, si articolava in quattro gruppi:

- supporto generale;

- segreteria permanente ed attivazione delle branche operative;

- trasmissioni;

- supporto aereo, logistico ed operativo.

Alle dipendenze della Sezione venne posto il Centro addestramento guastatori (CAG).

Le linee direttrici che informavano l’attività della nuova Sezione erano:

- la costituzione dell’apparato direttivo centrale e la pianificazione generale;

- la costituzione ed il perfezionamento della base addestrativa, degli istruttori e delle attrezzature didattiche;

- la costituzione del Centro trasmissioni di Olmedo (per collegamento a grande distanza; attività di radio propaganda; trasmissioni di disturbo);

- la pianificazione degli elementi fondamentali dell’organizzazione (sicurezza, personale, addestramento, organizzazione e documentazione);

- l’effettuazione di corsi addestrativi all’estero (presso la scuola del Servizio americano) per il personale della Sezione;

- l’attivazione delle branche operative costituite da 40 nuclei dei quali:

. 6 informativi;

. 10 sabotaggio;

. 6 propaganda;

. 6 evasione e fuga;

. 12 guerriglia

- la costituzione di 5 unita’ di guerriglia di pronto impiego in regioni di particolare interesse, rispettivamente denominate:

. Stella Alpina, nel Friuli;

. Stella Marina, nella zona di Trieste;

. Rododendro, nel Trentino;

. Azalea, nel Veneto;

. Ginestra, nella zona dei laghi lombardi;

- l’approntamento e la dislocazione periferica dei materiali necessari ai settori operativi;

- l’addestramento e la qualificazione degli elementi dei nuclei e delle unità di pronto impiego;

- le ricognizioni terrestri ed aeree delle zone di particolare interesse;

- la raccolta della documentazione di interesse (cartografica, monografica e fotografica);

- le attività sperimentali presso il CAG (aeree, paracadutistiche acquee, subacquee e terreni difficili):

Negli anni dal 1974 al 1976 l’intera pianificazione operativa di “Gladio” venne rivista. Il nuovo assetto prevedeva:

- unita’ di guerriglia (UDG), dislocate su diverse zone del territorio nazionale (e non più nella sola fascia alpina nord-orientale);

- reti di azione clandestina (RAC);

- nuclei (NU), da crearsi in zone particolarmente sensibili per l’attività di esfiltrazione.

A partire dagli anni ’80, il venire meno delle esigenze che informavano le precedenti disposizioni post-belliche e le radicali modifiche all’assetto ordinamentale dei Servizi di informazione e sicurezza italiani, comportarono una revisione delle modalità di realizzazione della “guerra non ortodossa” nel quadro delle strategie generali concordate con i Paesi alleati. In tale contesto vennero attuate le iniziative, da tempo allo studio, per costituire, in ambito nazionale, un organismo con il compito di pianificare e di coordinare l’impiego delle risorse del Servizio con quelle delle singole Forze Armate destinate all’attività di guerra non convenzionale, altrimenti detta non ortodossa. Ciò al fine di razionalizzare il settore ed evitare inutili sovrapposizioni di competenze, con evidente dispendio delle risorse medesime. Nel 1985 fu, pertanto, costituito un “Comitato di coordinamento operazioni di guerra non ortodossa” (GNO) cosi’ da predisporre, fin da tempo di pace, quanto necessario per lo stretto coordinamento dell’attività di GNO sul territorio nazionale eventualmente occupato.

Parallelamente, si procedette in ambito SISMI alla formazione di quadri in grado di istruire personale esterno alla condizione, in caso di invasione, di operazioni militari clandestine.

In tale contesto le operazioni di informazione, propaganda, evasione ed esfiltrazione vennero affidate al personale “volontario civile”, mentre l’addestramento e la partecipazione ad azioni di sabotaggio, controsabotaggio e guerriglia venne riservato ad appartenenti al Servizio particolarmente selezionati.

L’attività principale nel tempo di pace riguardava essenzialmente:

- la ricerca e l’eventuale reclutamento di persone idonee ad assolvere funzioni di comando e di elementi in possesso di nozioni specialistiche;

- l’addestramento di personale reclutato;

- le esercitazioni svolte in comune con i servizi alleati;

- le predisposizioni per l’acquisizione e la conservazione a lunga durata dei materiali e per il loro trasporto;

- l’aggiornamento della pianificazione operativa;

- il controllo del personale già reclutato a fini di sicurezza;

- lo scambio di esperienze con i servizi collegati.

Il reclutamento del personale “civile” avveniva attraverso quattro distinte fasi: l’individuazione, la selezione, la sottoscrizione dell’impegno ed il controllo.

L’individuazione veniva fatta sia dai quadri già facenti parte dell’organizzazione “Stay-Behind” sia da elementi del Servizio responsabili dell’organizzazione.

Non esistevano preclusioni di sesso, età ed idoneità al servizio militare (anche se, fino al 1975 circa, si e’ preferito reclutare personale che avesse assolto agli obblighi di leva, in quanto richiamabile). Dall’entrata in vigore della legge 24 ottobre 1977, n.801 (istituzione del Sismi, Sisde e Cesis, in pratica l’ultima legge sui servizi di sicurezza. NDR), i criteri di reclutamento furono ancorati ai principi stabiliti dalla legge stessa che prevedevano l’esclusione dei membri del Parlamento, di consiglieri regionali, provinciali e comunali, dei magistrati, dei ministri di culto e dei giornalisti.

La selezione veniva fatta dai responsabili della struttura sulla base delle informazioni ricavate attraverso i normali canali del Servizio.

Le informazioni servivano a stabilire che l’individuo da reclutare non avesse precedenti di alcun tipo nel casellario giudiziario, non facesse politica attiva, ne’ partecipasse a movimenti estremisti di qualsiasi tipo.

La sottoscrizione dell’impegno si attuava solo dopo aver avuto il benestare dai responsabili dell’organizzazione sulla base delle informazioni ricevute. Veniva effettuato dai quadri o dal personale del Servizio che á suo tempo avevano segnalato i nominativi.

Ciò avveniva normalmente in tempi successivi cosi’ da consentire la non compromissione dell’operazione e del reclutatore anche in casi di rifiuto o di incertezza. Il controllo era continuo e veniva effettuato dai responsabili dell’organizzazione.

Alla data del congelamento della struttura risultavano essere stati reclutati nel tempo per le esigenze della Gladio 622 elementi, dei quali:

- 223, nella posizione di effettivi;

- 354, nella posizione di riserva;

- 45 deceduti;

Di questi:

- l’83% e nato prima del 1945,

- il 16% fra il 1945 ed il 1960,

- l’1% successivamente al 1960

Nessuno degli aderenti all’organizzazione risulta essere stato iscritto alla loggia massonica P2.

4. I DEPOSITI DI ARMI (NASCO).

A seguito degli accordi più sopra richiamati, nel corso del 1959, l’”Intelligence” americana provvide ad inviare presso il CAG i materiali di carattere operativo destinati a costituire le scorte di prima dotazione dei nuclei e delle unita’ di pronto impiego, da occultare, fin dal tempo di pace, in appositi nascondigli interrati nelle varie zone di eventuale operazione.

I materiali in questione pervennero dagli Stati Uniti confezionati in speciali involucri al fine di assicurarne il perfetto stato di conservazione e, a partire dal 1963, ebbe inizio il loro interramento in appositi contenitori.

I Nasco (Nascondigli, ndr) erano cosi distribuiti sul territorio nazionale:

- 100 nel Friuli-Venezia Giulia,

- 7 nel Veneto,

- 5 in Trentino Alto-Adige,

- 11 in Lombardia,

- 7 in Piemonte,

- 4 in Liguria,

- 2 in Emilia-Romagna,

- 1 in Campania,

- 2 in Puglia.

I depositi venivano normalmente interrati a “contatto” con elementi caratteristici del terreno (cimiteri, ruderi, cappelle, chiesette, fontanili ecc..) che fossero:

- facilmente riconoscibili

- inamovibili

- facilmente identificabili dall’interpretazione di brevi messaggi preformulati trasmessi, all’emergenza, dalla base del campo;

- idonei a fornire la garanzia che, anche in caso di distruzione, i ruderi sarebbero stati sufficienti per permettere la localizzazione del nascondiglio.

Il materiale conservato nei Nasco era composto da armi portatili, munizioni, esplosivi, bombe a mano, pugnali, coltelli, fucili di precisione, radio trasmittenti, binocoli ed utensili vari.

I depositi erano gestiti direttamente dalla Sezione SAD, che custodiva i “rapporti di posa”, contenenti le indicazioni sull’ubicazione di Nasco. In caso di violazione delle frontiere nazionali da parte di truppe straniere, le istruzioni recanti tutti i punti di riferimento per localizzare i materiali, sarebbero state trasmesse alle reti “Gladio”, attivate per l’emergenza, a mezzo di messaggi radio precompilati, conservati nella sedi di Servizio.

A causa del rinvenimento fortuito nel 1972 di uno dei contenitori nella zona di Aurisina, venne deciso, per realizzare migliori condizioni di sicurezza, il recupero di tutti i depositi. Le operazioni di recupero ebbero inizio a partire dall’aprile di quell’anno.

I materiali esplosivi ed incendiari recuperati, attesa l’impossibilità della loro conservazione in caserme o altre strutture adibite ad uffici od abitazioni, furono riuniti presso il Centro addestramento guastatori e presso il deposito munizioni di Campo Mela (Sassari) e ne fu previsto, all’emergenza, il rifornimento attraverso avio-lancio.

I materiali di armamento e di munizionamento vennero immagazzinati, in consegna fiduciaria, presso caserme dei Carabinieri.

Detti materiali vennero contrassegnati con l’etichetta di copertura “Ufficio monografie del V CMT – scorte speciali di copertura”.

Le operazioni di recupero, che ebbero termine nel corso del 1973, permisero di ritornare in possesso di materiali contenuti in 127 Nasco su 139 a suo tempo interrati. Rimanevano 12 contenitori per i quali si indicano qui di seguito le località, la data di interramento, il contenuto oltre che i motivi del mancato recupero che è da attribuire alla difficoltà di portarli alla luce in maniera discreta.

a. Cimitero di Brusuglio (Cormano di Milano).

- data di posa: 10 luglio 1963;

- contenuto: armi individuali, munizioni, macchine fotografiche;

- motivo del mancato recupero: il cimitero subì negli anni 1965-1972

vari e consistenti ampliamenti;

- numero dei contenitori: 3 metallici;

b. Cimitero di Arbizzano di Negra (Verona).

- data di posa: 1 agosto 1963;

- contenuto: esplosivi, pistole, bombe a mano;

- motivo del mancato recupero: a seguito dei lavori di ampliamento

del cimitero (1969-72), sul Nasco vennero costruiti nuovi loculi;

- numero dei contenitori: 3 metallici ed 1 di plastica;

c. Cimitero vecchio di Abbadia Alpina, frazione di Pinerolo (Torino):

- data di posa: 17 maggio 1964;

- contenuto: duplicatore, materiale fotografico;

- motivo del mancato recupero: nei pressi del luogo di interramento del Nasco fu realizzato un canale ricoperto con cemento;

- numero dei contenitori: 2 metallici;

d. Crescentino (Vercelli), argine sinistro del canale Cavour nei pressi del Ponte di Praiassi;

- data di posa: 6 agosto 1961;

- contenuto: armi leggere, pistole, pugnali, bombe a mano;

- motivo del mancato recupero: il punto indicato nel rapporto di posa e’ stato interessato da una coltura di pioppi, il cui ciclo decennale e’ intervallato da un’aratura profonda del terreno. Tale operazione ha provocato una traslazione sia in verticale che in orizzontale del Nasco, rendendone impossibile all’epoca la localizzazione;

- numero dei contenitori: 3 metallici e 3 di plastica;

e. S.Pietro al Natisone (Udine), casetta disabitata (ai tempi della posa) nei pressi della Cappella di quota 236:

- data di posa: 16 luglio 1963;

- contenuto: armi leggere e munizioni;

- motivo del mancato recupero: la casa venne riattata nel 1967, ampliata ed abitata. Il Nasco venne cosi’ a trovarsi sotto il nuovo corpo-fabbrica;

- numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica;

f. Chiesetta di S. Giacomo di Reana del Roiale (Udine), tra Ribbis

e Adegliaccio:

- data di posa: 16 giugno 1964;

- contenuto: armi leggere e munizioni;

- motivo del mancato recupero: l’area circostante la chiesetta sotto la quale fu collocato il Nasco e’ stata successivamente rivestita (1970) di uno strato compatto, costituito da cemento

e ciottoli. Il deposito non era dunque più raggiungibile se non con demolizioni;

- numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica;

g. Chiesetta di S. Giacomo di Reana del Roiale (Udine), tra Ribbis e Adegliaccio:

- data di posa: 16 giugno 1964;

- contenuto: armi leggere e munizioni;

- motivo del mancato recupero: l’area circostante la chiesetta sotto la quale fu collocato il Nasco e’ stata successivamente rivestita (1970) di uno strato compatto, costituito da

cemento e ciottoli. Il deposito non era dunque più raggiungibile se non con demolizioni;

- numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica;

h. Cappella mortuaria del cimitero di Mariano del Friuli (Gorizia):

- data di posta: 25 giugno 1964;

- contenuto: armi individuali, pistole, duplicatore;

- motivo del mancato recupero: la cappella mortuaria sotto la quale venne sotterrato il Nasco fu ampliata (1971). Di conseguenza non era più possibile raggiungere il Nasco, se non con demolizioni;

- numero dei contenitori: 2 metallici e 3 di plastica;

i. Chiesetta di Santa Petronilla di San Vito al Tagliamento (Udine):

- data di posa: 28 settembre 1964;

- contenuto: armi leggere e munizioni;

- motivo del mancato recupero: il pronao della chiesetta, sotto il quale era stato collocato il Nasco, è stato pavimentato (1972). Il Nasco non era dunque più raggiungibile se non con demolizioni;

- numero dei contenitori: 2 metallici e 2 di plastica;

l. Chiesetta di Santa Petronilla di San Vito al Tagliamento (Udine):

- data di posa: 28 settembre 1964;

- contenuto: pistole, fucili, duplicatore;

- motivo del mancato recupero: il pronao della chiesetta sotto il quale era stato collocato il Nasco, e’ stato pavimentato (1972). Il Nasco non era dunque più raggiungibile se non con demolizioni;

- numero dei contenitori: 2 metallici e 2 di plastica;

m. Chiesetta Madonna del Sasso nel comune di Villa Santina (Udine):

- data di posa: 31 ottobre 1964;

- contenuto: armi leggere, munizioni;

- motivo del mancato recupero: asportazione da parte di ignoti;

- numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica;

n. Chiesetta Madonna del Sasso nel comune di Villa Santina (Udine):

- data di posa: 31 ottobre 1964;

- contenuto: armi leggere, munizioni;

- motivo del mancato recupero: asportazione da parte di ignoti;

- numero dei contenitori: 2 metallici ed 1 di plastica:

Con le ordinanze del 30 ottobre, 2 e 6 novembre 1990, il giudice istruttore di Venezia, dott. Mastelloni, nell’ambito dell’inchiesta penale sulla caduta dell’aereo “Argo 16″, ha incaricato i Comandi dei Carabinieri competenti per territorio di ricercare e dissotterrare i cennati 12 depositi ancora non recuperati. Le relative operazioni di scavo hanno portato al rinvenimento della totalità dei materiali, fatta eccezione per quelli contenuti:

- nei due Nasco situati nei comuni di Villa Santina (UD), che già erano risultati scomparsi nel 1972;

- nel Nasco interrato nel cimitero di Brusuglio (Cormano di Milano);

- nel Nasco di Crescentino (VC), ove le ricerche hanno portato ad un recupero solo parziale (due pistole, di calibro 9 e 22).

Lo stesso magistrato veneziano ha anche fatto richiesta di acquisire le matricole delle armi portatili conservate nei due “Nasco” a suo tempo occultati in Villa Santina – Chiesa Madonna del Sasso.

Come già detto in precedenza, tali armi pervennero al Servizio italiano alla fine degli anni ’50, già sigillate in contenitori plastici per la lunga conservazione: non fu possibile rilevarne le matricole poiché i pacchi non vennero aperti, al fine di non comprometterne la confezione.

Allo scopo di corrispondere alla richiesta e’ stato appositamente interpellato il Servizio informazioni americano (CIA), il quale ha riposto di non aver reperito nei propri archivi alcuna documentazione relativa alle matricole delle armi fornite al Servizio italiano.

5. ONERI FINANZIARI PER L’OPERAZIONE “GLADIO”.

Come già detto in precedenza, le spese per l’avvio dell’operazione “Gladio” furono sostenute con il concorso del servizio USA. Esse riguardavano principalmente:

- terreni e costruzioni L. 385 ml.

- contributi annuali (dal ’57 al ’75) L. 1.004 ml.

- contributi materiali operativi L. 1.292 ml.

Il contributo USA ha soddisfatto solo in parte le esigenze finanziarie connesse alla gestione della struttura tant’è che il Servizio italiano ha direttamente provveduto all’erogazione dei fondi necessari. La documentazione relativa agli anni precedenti al 1981 non e’ più consultabile, in quanto distrutta ai sensi della vigente normativa che regola la tenuta e la conservazione degli atti d’archivio degli Organismi informativi. Esiste solo traccia di un “bilancio di previsione”, redatto nel 1959, per un importo di L. 225 ml. annui, suddivisi in 125 a bilancio riservato e 100 a bilancio ordinario. Da tali somme andavano, comunque, escluse le spese per il personale militare, che, presumibilmente, gravavano su altri capitoli del Ministero della Difesa.

Per gli anni dal 1981 al 1990 le spese complessive per la gestione di “Gladio” sono ammontate a L. 3.409.208.000, corrispondenti ad una media annuale di poco più di 340 milioni.

6. SCIOGLIMENTO DELL’ORGANIZZAZIONE.

Alla luce dei significativi avvenimenti che hanno interessato l’Est europeo e dei conseguenti mutamenti degli equilibri politici che per anni hanno obbligato molte nazioni a vivere suddivise in rigidi blocchi contrapposti, il Governo si e’ impegnato a rivedere tutte le disposizioni in materia di “guerra non ortodossa” ed a promuovere, ove del caso, nelle competenti sedi collegiali alleate ogni utile iniziativa volta a verificare, sia sul piano politico che su quello della tecnica militare, l’attuale utilità e validità dei sistemi “clandestini” di protezione del territorio dello Stato.

Dall’esame della situazione attuale, il Governo ha tratto il convincimento che sono venuti meno i presupposti politico-militari sulla base dei quali fu costituita la rete “Stay-Behind”. In relazione a ciò, il Ministro della Difesa, on. Rognoni ha, dapprima congelato l’attività della struttura “Gladio”, e successivamente ne ha disposto, in data 27 novembre 1990, la soppressione congiuntamente allo scioglimento di tutta l’organizzazione ad essa connessa. Si è provveduto pertanto, in data 14 dicembre 1990, a trasmettere al Comitato Clandestino di Pianificazione (CPC) ed al Comitato Clandestino Alleato (ACC) le comunicazioni di disimpegno dell’Italia in campo NATO relativamente alla rete “Stay-Behind”. Parimenti, si e’ provveduto ad inviare ai membri dell’organizzazione la comunicazione delle decisioni governative ed il conseguente venir meno di ogni obbligo a suo tempo assunto verso la “Gladio”.

Per quanto attiene, poi, al materiale già in dotazione all’organizzazione – comprensivo di vestiario, equipaggiamento, armamento ed altro – accantonato presso il Centro addestramento guastatori di Alghero, lo Stato Maggiore Esercito ne ha disposto il versamento – già attuato – a diversi Enti della Regione Militare della Sardegna.

7. GLI SVILUPPI PIU’ RCENTI DELLA QUESTIONE “GLADIO”.

L’organizzazione “Gladio” non fu mai attivata. Anche le disposizioni, impartite dal Direttore del SISMI in data 1 agosto 1990 per utilizzare la struttura “Gladio” onde reperire informazioni sulla criminalità organizzata, specificatamente in funzione antidroga, non hanno avuto pratico effetto per l’intervenuto scioglimento.

Ciò premesso, è opportuno ribadire che ogni sospetto, in merito a possibili azioni di “Gladio” intese ad interferire con la vita democratica del Paese, è ingiusto, ingiustificato e fuorviante.

La segretezza dell’organizzazione era indispensabile in relazione agli scopi che si proponeva, ma non serviva a nascondere azioni illegali o delittuose. La qualità del personale potrebbe essere controllata in qualsiasi momento; nessun elemento del personale esecutivo di “Gladio” ha mai avuto autonoma disponibilità di armi e di altro materiale bellico predisposto per le esigenze della guerra non ortodossa.

L’organizzazione “Gladio” nacque – come si è detto all’inizio- in una situazione politica internazionale in cui, sull’esperienza della lotta partigiana in Italia e all’estero, esisteva l’esigenza di non farsi cogliere impreparati in caso di invasione del territorio nazionale; tale esigenza rientrava nella pianificazione operativa dell’Alleanza Atlantica.

Non esiste alcun elemento che possa far dubitare che il comportamento di “Gladio” abbia deviato dai suoi compiti di istituto; la situazione politica internazionale e’ ora rapidamente e radicalmente cambiata e, di conseguenza, “Gladio” e’ stata sciolta.

Eventuali deviazioni operate da singoli componenti della struttura potranno costituire oggetti di accertamento da parte della magistratura.

8. LA SITUAZIONE NEGLI ALTRI PAESI.

Si segnalano le situazioni dei Paesi che hanno adottato decisioni analoghe a quelle del Governo italiano:

- BELGIO: il 23 novembre 1990 e’ stata sciolta una organizzazione creata, agli inizi degli anni ’50, nell’ambito dei Comitati alleati;

- FRANCIA: all’inizio del mese di novembre 1990 il Presidente MITTERAND ha formalmente sciolto un’organizzazione istituita negli anni ’50;

- LUSSEMBURGO: ha di recente ufficialmente comunicato lo scioglimento dell’organizzazione “Stay-Behind”.

Altri Governi alleati non hanno ancora deciso di sciogliere questo tipo di struttura o hanno dichiarato di ritenerla tuttora valida.

Per quanto riguarda poi altri Paesi europei, tradizionalmente neutrali, ancorché gravitanti nell’orbita occidentale, si hanno le seguenti notizie:

- AUSTRIA: notizie stampa riportano l’avvenuta scoperta, nel periodo 1958/62, di depositi clandestini di armi ed equipaggiamenti militari. Tale materiale avrebbe dovuto essere impiegato, in caso di invasione, per attività di resistenza da condursi da parte di talune organizzazioni che sarebbero state sciolte nel 1970;

- SVIZZERA: un’organizzazione di resistenza, costituita negli anni ’50 e potenziata negli anni ’70, e’ stata soppressa in data 14 novembre 1990, perché non più aderente alla situazione internazionale attuale.

9. LE INCHIESTE GIUDIZIARIE.

Il 19 gennaio 1990 il giudice istruttore del Tribunale di Venezia, dott. Casson, nell’ambito del procedimento sulla strage di Peteano inoltrava al Presidente del Consiglio una richiesta intesa ad acquisire documentazione utile per accertare “se nel periodo 1972-73-74 siano stati effettuati nel Friuli-Venezia Giulia trasferimenti dei depositi (segreti) di armi, munizioni ed esplosivi a disposizione dei Servizi di sicurezza”.

Di fronte a tale richiesta il Governo ha ritenuto, anche in considerazione dei mutati rapporti tra le Nazioni europee, di aprire alle esigenze della magistratura gli archivi dei Servizi segreti e di far conoscere al Parlamento la portata esatta di alcuni passaggi storici che avevano condotto, anche in passato, a strumentalizzazioni ed a conclusioni fuorvianti. Di conseguenza – nel luglio 1990 – il giudice poteva prendere conoscenza di tutto il carteggio concernente l’operazione “Gladio” ed ottenere copia di un’ampia documentazione.

Le richieste del dott. Casson presentavano manifeste analogie con quella già avanzata, verso la fine del 1988, da altro magistrato di Venezia, dott. Mastelloni, in relazione all’inchiesta giudiziaria sulla caduta dell’aereo “Argo 16″, avvenuta a Marghera nel novembre 1973. La richiesta del dott. Mastelloni riguardava le autorizzazioni del Capo del SID, dell’Autorità Nazionale per la Sicurezza e delle Autorità di Governo attinenti ai movimenti dell’”Argo 16″ e di altri mezzi di trasporto “per il successivo, continuativo interramento in plurimi depositi siti nel Veneto e nella zona nord-orientale del Paese, di armamento destinato ai civili o ex militari addestratisi negli anni ’60″. A tale richiesta era stato opposto e confermato il segreto di Stato, sulla base della motivazione – indicata dal Ministro della Difesa pro-tempore – che si sarebbero resi noti apprestamenti difensivi diretti a tutelare l’integrità territoriale

dello Stato, anche in relazione ad accordi internazionali.

Le analogie tra le due inchieste riguardavano:

- la materia, facendo entrambe le indagini riferimento a depositi militari di armi;

- il presunto coinvolgimento dei Servizi di sicurezza;

- il periodo (più vasto per l’indagine del dott. Mastelloni, che partiva dagli anni ’60 fino al novembre 1973, più ristretto per quella svolta dal dott. Casson riferita agli anni 1972-73-74);

- la zona ove sarebbero stati effettuati gli interramenti di materiale bellico (territorio nord-orientale del Paese).

Il Governo decideva di venire incontro alle esigenze conoscitive prospettate dal dott. Casson. Nell’occasione assumeva rilievo decisivo la constatazione – già puntualizzata – del profondo mutamento dello scenario politico internazionale intervenuto nell’ultimo periodo, che aveva visto progressivamente allentarsi la tensione tra i due blocchi ed allontanarsi i timori di eventuali conflitti.

Non ritenendosi, pertanto, più sussistente la ragione giustificative del segreto in ordine alla struttura difensiva occulta, il vincolo veniva a cadere e, conseguentemente, erano soddisfatte anche le richieste documentali avanzate dal dott. Mastelloni.

Mentre i giudici veneziani proseguivano nelle loro indagini, altre inchieste venivano aperte in merito alla “Gladio” in varie sedi giudiziarie.

La Procura della Repubblica di Roma sta procedendo ad indagini preliminari nei confronti di ignoti per il reato di cui all’art.305 c.p. (cospirazione politica mediante associazione). Dopo aver richiesto ed acquisito una serie di atti e notizie, ha disposto, in data 22 dicembre 1990, il sequestro presso il SISMI di tutta la documentazione attinente all’organizzazione “Gladio”, con vincolo di indisponibilità nei confronti di chiunque senza nulla osta dell’A.G. procedente.

Contemporaneamente sono in corso indagini da parte di:

- Procura della Repubblica di Udine, per l’individuazione di possibili reati connessi ai depositi di armi ubicati in quella circoscrizione giudiziaria;

- Procura della Repubblica di Palermo, in relazione all’omicidio di Giuseppe Insalaco;

- Procura della Repubblica di Firenze, circa eventuali connessioni con attentati ai treni negli anni ’70;

- Procura Militare della Repubblica di Padova, per l’accertamento del reato – a carico di ignoti – di alto tradimento, previsto dal codice penale militare di pace. Anche tale Autorità giudiziaria ha emesso un provvedimento di sequestro, ma limitato ad alcuni atti, tra cui l’accordo SIFAR-CIA del novembre 1956.

Il dovere che il Governo sente di fornire al Parlamento ed alla Magistratura ogni elemento di informazione idoneo a favorire una valutazione obiettiva e serena si traduce nell’esigenza di conciliare la riservatezza di una parte della documentazione (riservatezza imposta, fra l’altro, da precisi impegni internazionali ed in sede di Alleanza Atlantica), con la volontà che il Governo stesso condivide con il Parlamento, di non lasciare ombra alcuna sul ruolo e

sull’attività dell’organizzazione “Gladio”.

10. PRESUNTE CONNESSIONI TRA OPERAZIONE “GLADIO” E PIANO “SOLO”.

L’atteggiamento del Governo e’ stato improntato al più ampio ed esauriente soddisfacimento delle esigenze di chiarezza da più parti prospettate, in relazione alle ipotizzate connessioni fra la vicenda “GLADIO” e gli avvenimenti dell’estate del 1964 (piano “Solo”).

Su questa linea tutti i documenti – ad eccezione della lista dei c.d. 731 “enucleandi” non ancora rinvenuta, ma tuttora oggetto di ricerche – sono stati portati a conoscenza del Parlamento, dopo aver rimosso ogni vincolo al quale, in tutto o in parte, erano stati sottoposti.

La segretezza a suo tempo imposta rispondeva a due precise esigenze:

- evitare la diffusione di notizie attinenti alla sicurezza dello Stato (dislocazione e consistenza dei reparti dell’Arma dei Carabinieri, loro modalità di funzionamento, indicazioni su procedure e metodologie tecnico-operative, organigramma dell’Arma e del Servizio, grado di conoscenza da parte degli organi di sicurezza degli elementi potenzialmente pericolosi per le Istituzioni);

- tutelare la riservatezza personale di quanti erano stati oggetto di immotivate indagini da parte del Servizio.

Quanto ai motivi riferiti alla sicurezza dello Stato, atteso il periodo trascorso (oltre 20 anni), questi possono essere considerati decaduti.

Diverso è il caso della tutela della riservatezza personale, in ordine alla quale il Governo ha attirato l’attenzione dei Presidenti delle due Camere sulla circostanza che gli atti trasmessi contengono riferimenti rientranti nella sfera privata di persone espressamente citate, ovvero alle quali si fa allusione.

11. ASPETTI DI LEGITTIMITA’ DELL’ORGANIZZAZIONE “GLADIO”.

Il Governo ritiene che non possa essere messa in dubbio l’opportunità dell’iniziativa di prevedere una struttura clandestina di resistenza e della sua conformità all’ordinamento giuridico-costituzionale.

Tuttavia, per dissolvere ogni motivo o pretesto di polemica, era stata presa in considerazione l’eventualità di chiedere il parere di un collegio di “saggi”, formato da ex Presidenti della Corte Costituzionale. L’iniziativa non ha potuto aver seguito per la ritenuta incompatibilità di una delle eminenti personalità prescelte.

Data l’impraticabilità di questa soluzione si e’ fatto ricorso all’Avvocatura Generale dello Stato, organo istituzionalmente qualificato ad offrire un’obiettiva ed autorevole valutazione della vicenda sotto il profilo giuridico.

L’Avvocato Generale dello Stato ha espresso un motivato parere, allegato alla presente relazione, che, in sostanza, esclude la violazione di precetti costituzionali. In particolare tale parere perviene alle seguenti condizioni:

- non trattandosi di un’associazione tra privati cittadini, ma di una organizzazione creata dallo Stato per il perseguimento di fini propri dello Stato stesso, il carattere militare dell’or-ganizzazione e la disponibilità assicurata di materiale bellico non sono in contrasto col divieto posto dall’art.18 Cost.;

- la natura dell’organizzazione, destinata a dar vita ad una attività clandestina di sabotaggio e di guerriglia nel territorio nazionale occupato dal nemico, giustifica il segreto finora mantenuto in deroga al principio della pubblicità dell’azione amministrativa.

- sulla organizzazione stessa;

- l’accordo del novembre 1956 raggiunto tra i servizi d’informazione militare italiano e statunitense per la creazione dell’organizzazione clandestina non e un trattato internazionale ma costituisce esecuzione ed attuazione del Trattato NATO approvato con legge n, 465/49. Non era perciò necessario, ne era possibile, data la segretezza che doveva circondare l’operazione, sottoporre l’accordo ad approvazione del Parlamento in applicazione dell’art.80.
Fonte:http://casarrubea.wordpress.com/2008/08/04/il-segreto-di-gladio/


CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE 



SCOOP  


 

 

 



CANALE VIMEO CDD


CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              












Oggi presso Italia








IL PAESE DEVE SAPERE ..





















CLICCA SUI SINGOLI TASTI DI CONDIVIONE PER OGNI ARTICOLO NEL POST O SU SCOOP, OPPURE SUL TASTO "SHARE" ACCANTO, NELLA COLONNA DESTRA DEL BLOG, CHE CONSENTE DI CONDIVIDERE SU 19 NETWORK A TUA SCELTA L'INTERO POST DEL BLOG.

PUOI ANCHE COPIARE L'INTERO POST ED INCOLLALO SU MAIL ED INVIARLO COI TUOI INDIRIZZI E A TUTTI GLI INDIRIZZI CHE TROVI UTILI.







ORA E' IL MOMENTO DI DIFFONDERE TRA TUTTI:


IL PAESE DEVE SAPERE ..


BISOGNA FAR SAPERE AGLI ITALIANI











http://diffusionecdd.blogspot.it/2015/09/diffusione.html





























SCOOP LA GRANDE DISCOVERY



SU



SCOOP ED FB



IN 63 ARTICOLI E MILLE PROVE













SCOOP ALTRI CANALI


















COMUNQUE SIETE ORA SUFFICIENTEMENTE MATURI ED INFORMATI PER INIZIARE A LEGGERE ED "ASCOLTARE" IN MODO ATTENTO COMPLETO E CONSAPEVOLE:





IL MEMORIALE DEL 7 MARZO 2011






IL DOCUMENTO SU PISTA FAMILIARE E USO ETERODOSSO DEL DIVORZIO ( e allegati )






LE PROVE AUDIO della CECCHIGNOLA e relative contestualizzazioni






GLI ESPOSTI DENUNCIA MEMORIE AL CSM CHE SMASCHERAVANO GIA’ NEL 2012 LA MANOVRA CRIMINALE SOTTESA E LA IDENTITA' DI QUESTO PERICOLSO APPARATO DEVIATO







LA LETTERA DI NON DIMISSIONI ( l’opposto di ciò che hanno fatto i tanti magistrati martirizzati in silenzio dall’apparato deviato )









ORA POTETE SINO IN FONDO CAPIRE DA SOLI QUALE FOSSE LA POSTA IN GIOCO:





PERCHE’ DOVEVA ESSERE DISTRUTTO IL MAGISTRATO PAOLO FERRARO






PERCHE’ OPERARONO DI CORSA IN CONTRO TEMPO PER TENTARE DI ARGINARE LA INFORMAZIONE E DENUNCIA PUBBLICA CHE AVREI SVILUPPATO E CON QUALE ARCHITETTURA CRIMINALE SI MOSSERO






QUALE DISEGNO E GESTIONE DEL REALE POTERE DOVESSERO DISPERATAMENTE NASCONDERE






SE VI FOSSERO IN GIOCO E QUALI COMPONENTI DEVIATE ( E COME OPERASSERO )







COSA TEMEVANO CHE POTESSE ANCHE EMERGERE






COME ABBIANO OPERATO NEL SILENZIO






COME ABBIANO ATTIVATO LA FINTA CONTROINFORMAZIONE CHE COSTRUIVA IL MITO DI PSEUDO ASSOCIAZIONI CHE COPRIVANO POTERI REALI







E PERCHE’ SOLO PAOLO FERRARO POTEVA ARDIRE E DENUNCIARE RICOSTRUENDO TUTTO E CONTESTUALIZZANDO TUTTO ( SENZA IL TESTIMONE CHE CONTESTUALIZZA LE PROVE OGGETTIVE NON ESISTONO E NON HANNO UN LORO AUTONOMO SENSO COMUNQUE )






COME SIANO ARRIVATI A COMPIERE L’ERRORE MADORNALE DI METTERE IN MANO AL MAGISTRATO PAOLO FERRARO LA PROVA CERTA OBIETTIVA ED INDELEBILE DELLE MANOVRE FATTE E REATI CONNNESSI IN UN CASO EMBLEMATICO






CON QUANTA VOLGARE SICUMERA E VIOLENZA ABBIANO TENTATO DI ARGINARE LA INFORMAZIONE ANCHE A LIVELLO DI CONTROINFORMATORI DI REGIME ATTRAVERSO QUELLO CHE ORMAI IN MOLTI CHIAMANOIL "PROTOCOLLO PETTEGOLO“ ( Derisoriamente)






QUANTA INTELLIGENZA E SENSIBITA’ INTELLETTUALE IMMISERO NEI LORO DUE STUPENDI SCRITTI LUCIANO GAROFOLI ED ENRICA PERRUCCHIETTI QUANDO ANCORA STAVO CENTELLINANDO PROVE ED ANALISI










QUANTO SENSIBILE IMPEGNO SIA STATO MESSO DAI MIGLIORI DI VOI ( per ora ) AVENDO CAPITO BENE E STUDIATO …






PERCHE PAOLO FERRARO ERA ED E’ AMATO E STIMATO DALLA POLIZIA GIUDIZIARIA E DAI MIGLIORI MAGISTRATI NON CRIMINALI E DEVIATI






ORA AVETE INFINE quindi DAVANTI, ED ATTRAVERSO ME E LE VICENDE A ME COLLEGATE, UNO SPACCATO CRIMINALE DI POTERI DEVIATI CHE APRE LE PORTE A TUTTO QUELLO CHE DI CERTO ED INDICIBILE ABBIAMO INDICATO E ANALIZZATO COME DIRETTI TESTIMONI.





UN ORDITO CRIMINALE PLURIENNALE :


IL CASO FERRARO I SILENZI COLPEVOLI O CRIMINALI



UN BEL GUAZZABUGLIO INTERAMENTE DISTRICATO



RITROVANO NOTIZIE PREZIOSE SULLA INDAGINE FIORI NEL FANGO



IL RUOLO CRIMINALE E MALATO GIOCATO DA UNA FETTA DI MAGISTRATI DEVIATI DELLA PROCURA DI ROMA CHE AVEVA TUTTO DA PERDERE SE FOSSE USCITO FUORI QUELLO CHE AVEVANO COMBINATO , A PARTIRE DA PAOLO FERRARO






E qui un ringraziamento non alla rosa ma alla Margherita ...









SIETE ORA SUFFICIENTEMENTE MATURI ED INFORMATI PER LEGGERE ED ASCOLTARE IN MODO ATTENTO COMPLETO E CONSAPEVOLE:


IL MEMORIALE DEL 7 MARZO 2011


IL DOCUMENTO SU PISTA FAMILIARE E USO ETERODOSSO DEL DIVORZIO ( e allegati )


LE PROVE AUDIO della CECCHIGNOLA e relative contestualizzazioni


GLI ESPOSTI DENUNCIA MEMORIE AL CSM CHE SMASCHERAVANO GIA’ NEL 2012 LA MANOVRA CRIMINALE SOTTESA E LA IDENTITA' DI QUESTO PERICOLSO APPARATO DEVIATO


LA LETTERA DI NON DIMISSIONI ( l’opposto di ciò che hanno fatto i tanti magistrati martirizzati in silenzio dall’apparato deviato )



ORA POTETE SINO IN FONDO CAPIRE DA SOLI QUALE FOSSE LA POSTA IN GIOCO:


PERCHE’ DOVEVA ESSERE DISTRUTTO IL MAGISTRATO PAOLO FERRARO


PERCHE’ OPERARONO DI CORSA IN CONTRO TEMPO PER TENTARE DI ARGINARE LA INFORMAZIONE E DENUNCIA PUBBLICA CHE AVREI SVILUPPATO E CON QUALE ARCHITETTURA CRIMINALE SI MOSSERO


QUALE DISEGNO E GESTIONE DEL REALE POTERE DOVESSERO DISPERATAMENTE NASCONDERE


SE VI FOSSERO IN GIOCO E QUALI COMPONENTI DEVIATE ( E COME OPERASSERO )


COSA TEMEVANO CHE POTESSE ANCHE EMERGERE


COME ABBIANO OPERATO NEL SILENZIO


COME ABBIANO ATTIVATO LA FINTA CONTROINFORMAZIONE CHE COSTRUIVA IL MITO DI PSEUDO ASSOCIAZIONI CHE COPRIVANO POTERI REALI


E PERCHE’ SOLO PAOLO FERRARO POTEVA ARDIRE E DENUNCIARE RICOSTRUENDO TUTTO E CONTESTUALIZZANDO TUTTO ( SENZA IL TESTIMONE CHE CONTESTUALIZZA LE PROVE OGGETTIVE NON ESISTONO E NON HANNO UN LORO AUTONOMO SENSO COMUNQUE )


COME SIANO ARRIVATI A COMPIERE L’ERRORE MADORNALE DI METTERE IN MANO AL MAGISTRATO PAOLO FERRARO LA PROVA CERTA OBIETTIVA ED INDELEBILE DELLE MANOVRE FATTE E REATI CONNNESSI IN UN CASO EMBLEMATICO


CON QUANTA VOLGARE SICUMERA E VIOLENZA ABBIANO TENTATO DI ARGINARE LA INFORMAZIONE ANCHE A LIVELLO DI CONTROINFORMATORI DI REGIME ATTRAVERSO QUELLO CHE ORMAI IN MOLTI CHIAMANOIL "PROTOCOLLO PETTEGOLO“ ( Derisoriamente)


QUANTA INTELLIGENZA E SENSIBITA’ INTELLETTUALE IMMISERO NEI LORO DUE STUPENDI SCRITTI LUCIANO GAROFOLI ED ENRICA PERRUCCHIETTI QUANDO ANCORA STAVO CENTELLINANDO PROVE ED ANALISI



QUANTO SENSIBILE IMPEGNO SIA STATO MESSO DAI MIGLIORI DI VOI ( per ora ) AVENDO CAPITO BENE E STUDIATO …


PERCHE PAOLO FERRARO ERA ED E’ AMATO E STIMATO DALLA POLIZIA GIUDIZIARIA E DAI MIGLIORI MAGISTRATI NON CRIMINALI E DEVIATI


ORA AVETE INFINE quindi DAVANTI, ED ATTRAVERSO ME E LE VICENDE A ME COLLEGATE, UNO SPACCATO CRIMINALE DI POTERI DEVIATI CHE APRE LE PORTE A TUTTO QUELLO CHE DI CERTO ED INDICIBILE ABBIAMO INDICATO E ANALIZZATO COME DIRETTI TESTIMONI.


UN ORDITO CRIMINALE PLURIENNALE :

IL CASO FERRARO I SILENZI COLPEVOLI O CRIMINALI

UN BEL GUAZZABUGLIO INTERAMENTE DISTRICATO

RITROVANO NOTIZIE PREZIOSE SULLA INDAGINE FIORI NEL FANGO

IL RUOLO CRIMINALE E MALATO GIOCATO DA UNA FETTA DI MAGISTRATI DEVIATI DELLA PROCURA DI ROMA CHE AVEVA TUTTO DA PERDERE SE FOSSE USCITO FUORI QUELLO CHE AVEVANO COMBINATO , A PARTIRE DA PAOLO FERRARO

E qui un ringraziamento non alla rosa ma alla Margherita ...


Ed ota potrete riapprezzare a fondo su altro blog elegantino anche :


UN VIDEO AUDIO INEDITO. UNA PROVA DIRETTA SCONVOLGENTE SU APPARATI COLLEGAMENTI PSICHIATRIA DEVIATA E L’ATTACCO FRONTALE PER TENTARE DI RISALIRE LA CHINA E FERMARE IL MAGISTRATO PAOLO FERRARO ANNO 2011 .

0000 Un documento unico IL TENTATIVO DI INCASTRARE E BLOCCARE il magistrato FERRARO. PSICHIATRIA DEVIATA on Vimeo
Tornando al 2011 ed all’attacco violento sferrato per impedire che vicende denunciate venissero portate a conoscenza della opinione pubblica, vi era in gioco allora tutto di più: tra luogo coperto (Cecchignola) , attività gestite, rappresaglie criminali, trappola ordita ed antecedenti mirati, sempre in danno di Paolo Ferraro , nonchè il pericolo che lo stesso arrivasse a ricostruire riconnettendo elementi e dati … Continua a leggere

UN SECONDO VIDEO AUDIO INEDITO.PASQUETTA 2011. IL FALSO DOSSIER. Silvia Canali, Fiorella Vallini, Bruno e i PM coinvolti e l’allora PROCURATORE CAPO della PROCURA di Roma e le MAIL degli "psichiatri ".

PASQUETTA 2011 IL FALSO DOSSIER. Silvia Canali Fiorella Vallini Bruno e i magistrati deviati a Roma - YouTube
PASQUETTA 2011. IL FALSO DOSSIER. Silvia Canali, Fiorella Vallini, Francesco Bruno, i PM coinvolti e l’allora PROCURATORE CAPO della PROCURA di Roma e nell’ombra gli psichiatri che “inviavano MAIL”. LA PISTA FAMILIAR PSICHIATRICA. (Per l’analisi di quadro che chiarisce come la vicenda apparentemente familiare e personale non sia che un frammento criminale di un ordito si rinvia al ............. Continue a leggere

IL TERZO VIDEO AUDIO . Una attività orchestrata allo scoperto per distruggere Paolo Ferraro . In troppi sanno chi siano il pessimo autore & company .

c

Una attività orchestrata allo scoperto per distruggere Paolo Ferraro. In troppi sanno chi siano il pessimo autore & company IL TERZO VIDEO AUDIO I tre brevissimi frammenti audio del primo audio video che ascolterete in automatico per pochi secondi servono a farvi rendere conto immediatamente (voi che lo conoscete personalmente) di chi sia “JESUS FRANCO”. L’autore di una ennesima e delle … Continue a leggere


IL QUARTO VIDEO AUDIO. La macchinazione autoimplode. IL TENENTE COLONNELLO ANDREA RAFFAELLI, Il MAGISTRATO GIUSEPPE CORASANITI, l’Avv. PAOLO FRANCESCHETTI e IL MAGISTRATO PIER FRANCO BRUNO . E ROSSI e PESCI e CASCINI e vari spezzoni di una attività criminale persecutoria.

pierfranco

IL QUARTO “micro” AUDIO. La macchinazione autoimplode. E POI IL TENENTE COLONNELLO ANDREA RAFFAELLI, Il MAGISTRATO GIUSEPPE CORASANITI, l’Avv. PAOLO FRANCESCHETTI e IL MAGISTRATO PIER FRANCO BRUNO . E ROSSI, PESCI E CASCINI .. e vari spezzoni di una attività criminale persecutoria. Leggete, ascoltate memorizzate e poi riverificate, ascoltando, e chi capirà non si senta troppo male, inorridendo. Nel corso della …Continue a leggere

IL QUINTO VIDEO AUDIO. La centrale operativa di Parioli Corso Trieste. AVV. MArco Ferraro Luigi Cancrini e gli altri.

MFERRstudio

IL SANCTA SANCTORUM PARIOLINO si va disegnando. Poi definiremo i rapporti con gli apparati e realtà militari ed internazionali di Lucio Caracciolo, l’ennesimo professore della LUISS, gli scambi e le conoscenze culturali ( Francesco Bruno e il convegno a Pompei, ricordate ?! ) e tutto l’altro di cui sembra aver potuto usufruire la solo apparente principale protagonista malefica delle vicende … Continua a leggere


UN PROFILO ARTIFICIALMENTE COSTRUITO. Seconda parte. La sgangherata e deliroide geometria manipolativa. SESTO AUDIO in
editi

santandrea 2

PREMESSA Questo sesto articolo con video audio inedito (LA MANIPOLAZIONE DELIROIDE DELLA PSICHIATRIA. Le peripezie illogico tautologiche dello psichiatra “SANI” 11 gennaio 2011), si riferisce innanzitutto ancora alla sequenza delle attività del gennaio 2011, inscenate per tentare di “riprendere in mano la situazione” ed eliminare definitivamente il magistrato Paolo Ferraro. Quando parlavo con Sani ancora non sapevo del cumulo di nefandezze immesso da Girardi nei … Continua a leggere



PROTOCOLLI PROFILAZIONE e GESTIONE OPERATIVA. UNA MAIL parodia di protocolli e metodi reali.

Franceesco Bruno belzebù

Nell’articolo che precede abbiamo illustrato la “gestione manipolatoria a struttura deliroide condivisa” e il ruolo della psichiatria e delle scuole giuridiche che chiamo, per intenderci, “neocausidiche”, dando indicazioni sintetiche sul caso Ferraro . Oggi trattiamo mediante logica, delle fondamenta di protocolli, profilazione e gestioni operative: l’anima delle attività coperte e deviate di apparati di potere sotteranei o segreti, come nuova strumentazione più sofisticata anche … Continue reading

GLI ARTICOLI PIU' RILEVANTI SU ALTERVISTA CDDGRANDEDISCOVERY.

LA SVOLTA DEL 2014


PROTOCOLLI PROFILAZIONE e GESTIONE OPERATIVA. UNA MAIL parodia di protocolli e metodi reali.

Franceesco Bruno belzebù

Nell’articolo che precede abbiamo illustrato la “gestione manipolatoria a struttura deliroide condivisa” e il ruolo della psichiatria e delle scuole giuridiche che chiamo, per intenderci, “neocausidiche”, dando indicazioni sintetiche sul caso Ferraro . Oggi trattiamo mediante logica, delle fondamenta di protocolli, profilazione e gestioni operative: l’anima delle attività coperte e deviate di apparati di potere sotteranei o segreti, come nuova strumentazione più sofisticata anche … Continue reading


UN PROFILO ARTIFICIALMENTE COSTRUITO. Seconda parte. La sgangherata e deliroide geometria manipolativa. SESTO AUDIO inediti

santandrea 2

PREMESSA Questo sesto articolo con video audio inedito (LA MANIPOLAZIONE DELIROIDE DELLA PSICHIATRIA. Le peripezie illogico tautologiche dello psichiatra “SANI” 11 gennaio 2011), si riferisce innanzitutto ancora alla sequenza delle attività del gennaio 2011, inscenate per tentare di “riprendere in mano la situazione” ed eliminare definitivamente il magistrato Paolo Ferraro. Quando parlavo con Sani ancora non sapevo del cumulo di nefandezze immesso da Girardi nei … Continue reading


IL QUARTO VIDEO AUDIO. La macchinazione autoimplode. IL TENENTE COLONNELLO ANDREA RAFFAELLI, Il MAGISTRATO GIUSEPPE CORASANITI, l’Avv. PAOLO FRANCESCHETTI e IL MAGISTRATO PIER FRANCO BRUNO . E ROSSI e PESCI e CASCINI e vari spezzoni di una attività criminale persecutoria.

pierfranco

IL QUARTO “micro” AUDIO. La macchinazione autoimplode. E POI IL TENENTE COLONNELLO ANDREA RAFFAELLI, Il MAGISTRATO GIUSEPPE CORASANITI, l’Avv. PAOLO FRANCESCHETTI e IL MAGISTRATO PIER FRANCO BRUNO . E ROSSI, PESCI E CASCINI .. e vari spezzoni di una attività criminale persecutoria. Leggete, ascoltate memorizzate e poi riverificate, ascoltando, e chi capirà non si senta troppo male, inorridendo. Nel corso della … Continue reading

Una attività orchestrata allo scoperto per distruggere Paolo Ferraro . In troppi sanno chi siano il pessimo autore & company IL TERZO VIDEO AUDIO .

c

Una attività orchestrata allo scoperto per distruggere Paolo Ferraro. In troppi sanno chi siano il pessimo autore & company IL TERZO VIDEO AUDIO I tre brevissimi frammenti audio del primo audio video che ascolterete in automatico per pochi secondi servono a farvi rendere conto immediatamente (voi che lo conoscete personalmente) di chi sia “JESUS FRANCO”. L’autore di una ennesima e delle più idiote … Continue reading


UN SECONDO VIDEO AUDIO INEDITO.PASQUETTA 2011. IL FALSO DOSSIER. Silvia Canali, Fiorella Vallini, Bruno e i PM coinvolti e l’allora PROCURATORE CAPO della PROCURA di Roma e gli psichiatri che “inviavanoMAIL”.

PASQUETTA 2011 IL FALSO DOSSIER. Silvia Canali Fiorella Vallini Bruno e i magistrati deviati a Roma - YouTube

PASQUETTA 2011. IL FALSO DOSSIER. Silvia Canali, Fiorella Vallini, Francesco Bruno, i PM coinvolti e l’allora PROCURATORE CAPO della PROCURA di Roma e nell’ombra gli psichiatri che “inviavano MAIL”. LA PISTA FAMILIAR PSICHIATRICA. (Per l’analisi di quadro che chiarisce come la vicenda apparentemente familiare e personale non sia che un frammento criminale di un ordito si rinvia al documento 2 della … Continue reading

UN VIDEO AUDIO INEDITO. UNA PROVA DIRETTA SCONVOLGENTE SU APPARATI COLLEGAMENTI PSICHIATRIA DEVIATA E L’ATTACCO FRONTALE PER TENTARE DI RISALIRE LA CHINA E FERMARE IL MAGISTRATO PAOLO FERRARO ANNO 2011 .

0000 Un documento unico IL TENTATIVO DI INCASTRARE E BLOCCARE il magistrato FERRARO. PSICHIATRIA DEVIATA on Vimeo

Tornando al 2011 ed all’attacco violento sferrato per impedire che vicende denunciate venissero portate a conoscenza della opinione pubblica, vi era in gioco allora tutto di più: tra luogo coperto (Cecchignola) , attività gestite, rappresaglie criminali, trappola ordita ed antecedenti mirati, sempre in danno di Paolo Ferraro , nonchè il pericolo che lo stesso arrivasse a ricostruire riconnettendo elementi e dati … Continue reading

IL COLPO DI STATO STRISCIANTE E LA GRANDEDISCOVERY

0129 G IL COLPO DI STATO STRISCIANTE E LA GRANDE DISCOVERY on Vimeo (1)

Nel lontano giugno 2011, e riprodotta in rete, una esilarante performance comica che indicava per linea di massima il vero golpe strisciante e sembrava “curiosamente” mandare una sorta di critica allarme. Si noti l’accento camorrista e campano del comico : una scelta lucida ed evidentemente correlata alla vera matrice eversiva del tutto , esattamente ricostruito e denunciato dal CDD. Da tre … Continue reading

IL CASO FERRARO I SILENZI COLPEVOLI O CRIMINALI E UN APPARATO SOTTERRANEO CENTRALE POSTO ALLO SCOPERTO. (con didascalia  ed  analisi delle vicende più direttamente istituzionali con link alla integrale documentazione),


NEL NOME DI MAGISTRATURA E PSICHIATRIA DEMOCRATICA. Ma Grillo non ne parla nemmeno.

LUTWACK

UNA SETTA APPARATO COPERTO OPERANTE NEL NOME, SOTTO IL NOME E CONTRO IL NOME DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA E DI PSICHIATRIA DEMOCRATICA. DALLA CADUTA DEL MURO DI BERLINO IN POI L’apparato a struttura settaria segreta che ha progressivamente egemonizzato MAGISTRATURA DEMOCRATICA a partire dagli anni novanta: la medicina sociale, i progetti di settore, e il gruppuscolo pilotato dai servizi di LOTTA … Continue reading

TUTTI I DOCUMENTI E PROVE DEL CDD (2 elenchi in coda ) . PLAYLIST INTEGRALE DEI 200 VIDEO CONFERENZE INTERVISTE E DIBATTITI all’ottobre 2014

CDD GRANDE DISCOVERY (2)

La partita si gioca sensibilizzando le quote residue degli apparati legali e non deviati dello Stato e se così non fosse avremmo già perso in partenza, combattendo contro un apparato illegale che ha assommato la forza dello Stato deviata, la forza militare anche internazionale, la forza criminale della grande criminalità organizzata, la potenza degli apparati psichiatrico sociali magistratuali costruiti sotterraneamente … Continue reading

LA PLAYLIST INTEGRALE DEI VIDEO DEL CDD CARICATA SU CANALE YOUTUBE E LA CONNESSIONE IN COUCH MODE PER I VIDEO VIMEO

IL CANALE CDD VIDEO CONFERENZE INTERVISTE ORDINATO - YouTube

CDD VIDEO CONFERENZE INTERVISTE SU YOUTUBE Play list TUTTI I VIDEO DEL CDD SU YOUTUBE – SOSTIENI E DIFFONDI – CLICCA SUL TERZULTIMO TASTO IN BASSO A DESTRA (PRIMA di “GUARDA SU YOUTUBE”) E SCORRI L’ELENCO DI TUTTI I VIDEO CHE SI EVIDENZIA ALLA SINISTRA DEL VIDEO Play list TUTTI I VIDEO DEL CDD SU YOUTUBE – SOSTIENI E DIFFONDI – …Continue reading

DIRETTA Martedì 30 settembre ore 21, CAPITALISMO, CRISI STRUTTURALE DEFAULT FINANZIARIO.La distruzione mirata delle democrazie e degli Stati occidentali: per una alternativa possibile.

Capitalismo - N01_Fotor

DIRETTA Martedì 30 settembre ore 21: CAPITALISMO,CRISI STRUTTURALE DEFAULT FINANZIARIO. Strategie neomondialiste, apparati eversivi e dinamiche di distruzione mirata delle democrazie e degli Stati occidentali: per una alternativa possibile. LINK ALLA DIRETTA INSERITO QUI’ ALLE 20 e 30 c.a. di oggi martedì 30/9/2014 http://youtu.be/s-i4mlqrDZo PAOLO FERRARO, DIEGO FUSARO, Avv. MARCO MORI, ANDREA ZUNINO, DAVIDE CAPORUSSO QUI DI SEGUITO LA DIRETTA VIDEO IN EMBEDDING NON APPENA ATTIVATA LA TRASMISSIONE . CON … Continue reading

IL CASO FERRARO I SILENZI COLPEVOLI O CRIMINALI E UN APPARATO SOTTERRANEO CENTRALE POSTO ALLO SCOPERTO. (con didascalia ed analisi delle vicende più direttamente istituzionali con link alla integrale documentazione),

p (3)

IL CASO FERRARO, I SILENZI COLPEVOLI O CRIMINALI E UN APPARATO SOTTERRANEO CENTRALE POSTO ALLO SCOPERTO.(su altervista.org) (su Evernote) [ N.B. in coda didascalia ed analisi delle vicende più direttamente istituzionali con link alla integrale documentazione e la petizione pubblica . Ma dobbiamp spiegare che la vicenda oltre ad avere pregressi noti si correla ad una analisi generale . Senza quelli e questa non saremmo … Continue reading

LA VERITA’ QUANDO SI TRATTI DI FATTI IN SOSTANZA EVERSIVI E CERTAMENTE CRIMINALI NON PREVEDE RESE NE’ ARRETRAMENTI. LA GENTE CHE E’ FUORI DALLE ISTITUZIONI PRIMA O POI CAPIRA’.

Paolocaffè24

LA VERITA’ NON PREVEDE RESE NE’ ARRETRAMENTI . ” Stimato prof. , di seguito alla presente le invio una ennesima sintesi, molto apprezzata e chiara su tutte le vicende, con adeguate e complete indicazioni didascaliche in calce. Come dati “tecnici” da lei richiesti le indico su banca dati, visionabili e scaricabili: PRIMA FASE ( sequestro di persona del 2009 … Continue reading

I CINQUE ARTICOLI DI CORSERA E I TRE ANNI DELLA GRANDEDISCOVERY sugli apparati coperti convolti nella storia degli ultimi venticinque anni . UN omaggio anche al magistrato Paolo Adinolfi .

CORSERA MAGAZINE - CARMELA MELANIA REA OMICIDIO SACERDOTESSE DEL SESSO E RITI SATANICI L'INTERVISTA AL SOSTITUTO PROCURATORE PAOLO FERRARO

A distanza di tre anni riproponiamo i cinque articoli di CORSERA.IT rilevando che essi erano attenti al profilo “organizzatorio” e, avendo il cronista , sbalordito ma non tanto , ben ascoltato i file audio della Cecchignola, mettevano in risalto ciò che più direttamente emergeva dal diretto ascolto e dal vaglio delle presenze non secondarie nel nucleo della Cecchignola. Nel frattempo la ordinanza del GIP Cirillo di Teramo …Continue reading

IL RUOLO DEGLI APPARATI DEVIATI DELLA MAGISTRATURA , DEI SERVIZI , DELLA PSICHIATRIA DI APPARATO DELLE ELITE MILITARI DEVIATE E DEI POLITICI COLLEGATI NELLE STRAGI DEL 1992 E NELLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SOTTERRANEO .

Borsellino

La “trattativa” non era che una richiesta di “pagamento a stato di avanzamento lavori “. Falcone e Borsellino sono stati uccisi dagli apparati deviati dello Stato usando la Mafia come autore materiale , ed anche partecipando alla esecuzione materiale con materiale e presenza “tecnica ” . La posta in gioco era fermare la DNA e le analisi ed intuizioni strategiche di … Continue reading

Non Era Basaglia : E’ il PROGETTO TAVISTOCK.

John Reese

Non Era Basaglia : E’ il PROGETTO TAVISTOCK. [ N.B. Nel corpo della conferenza trasmissione vengono citati vari articoli precedenti Tra questi l’articolo importante ” Sessanta secondi svelano …” http://paoloferrarocdd.blogspot.com/2014/03/sessanta-secondi-svelano-attentamente.html e gli articoli precedenti dedicati al TAVISTOCK e i documenti e dati sulle prove sui fatti della CEcchignola con integrale contestualizzazione dei dati audio nonchè le analisi sul progetto sotterraneo nel nostro … Continue reading

UN BEL GUAZZABUGLIO INTERAMENTE DISTRICATO : Questa è la trama di un film, peccato che è tutto al millimetro vero.LE SINTESI DAL 1992 al 2014

FALCONE E BORSELLINO

UN BEL GUAZZABUGLIO INTERAMENTE DISTRICATO. Questa è la trama di un film, peccato che è tutto al millimetro vero. Le sintesi dal 1992 al 2014 http://paoloferrarocdd.blogspot.com/2014/08/un-bel-guazzabuglio-questa-e-la-trama.html SU EVERNOTE https://www.evernote.com/shard/s207/sh/395b353b-f337-43bf-868f-ea5b8067b31e/65ded63c47d56b44d9e341b7f2e2ff45 L’INDAGINE OIL FOR DRUG Nel novembre 2003 parte sotto la mia direzione … Continue reading

OMICIDI MEDIATICO RITUALI, REALIZZATI DA GRUPPI ETEROPILOTATI DALL’ALTO E ANALOGIE CON LA STRATEGIA DELLA TENSIONE…!!!

MAESTRO DI DIETROLOGIA  OMICIDI MEDIATICO RITUALI, REALIZZATI DA GRUPPI ETEROPILOTATI DALL'ALTO E ANALOGIE CON LA STRATEGIA DELLA TENSIONE...!!!

OMICIDI MEDIATICO RITUALI, REALIZZATI DA GRUPPI ETEROPILOTATI DALL’ALTO E ANALOGIE CON LA STRATEGIA DELLA TENSIONE…!!! articolo tratto dal blog Maestro di dietrologia N.B. l’articolo è chiosato con due conferenze video nostre che mostrano l’approccio concreto e realisticamente storico seguito da Paolo Ferraro e dal CDD. Comunque è la prima indicazione di spostamento dell’approccio “complottista” sul piano dei concreti disegni di … Continue reading

‘Mai senza gli americani’

curriculm-agente-segreto-e1406570630135

‘Mai senza gli americani’ Articolo Di Michele Franceschell tratto dal blog statopotenza e pubblicato il 28 luglio 2014 “Mai senza gli americani” è il titolo di un articolo (pagine 183-188) apparso sull’ultimo numero della rivista Limes dedicato ai servizi segreti, firmato con lo pseudonimo Mazarinus. L’articolo in questione non ha peli sulla lingua nel trattare un argomento delicatissimo (per questo l’uso dell’anonimato?) e tenuto il …Continue reading

RITROVANDO NOTIZIE (preziose) SULLA INDAGINE “FIORI NEL FANGO” RIPRENDENDO I POST 1/12 2/12 3/12 4/12 e 5/12 grandediscovery

Maria  Monteleone

LAINDAGINE “FIORI NEL FANGO” ( infangata essa ) e la GRANDEDISCOVERY . ( Riedizione implementata al 1° gennaio2014 , IN CODA SINTESI E LINK PER TUTTE LE VICENDE AMONTE ED A VALLE ) I passaggi di quadro afferenti LA GRANDEDISCOVERY, ALLA LUCE DEI DATI EMERSI, RITROVANDO NOTIZIE ( preziose ) SULLA INDAGINE ” FIORI nEL FANGO” a ROMA , RIPRENDENDO I POST 1/12 2/12 3/12 4/12 … Continue reading

UN PROFILO ARTIFICIALE INVENTATO PER ANNIENTARE IL MAGISTRATO PAOLO FERRARO (Parte 1)

ferrara

UN PROFILO ARTIFICIALE INVENTATO(ANCHE PROGETTATO DA TEMPO?!) – Prima Parte – In questo articolo vedremo un esempio di “trattamento” di un uomo “scomodo”, secondo la tecnica indicata dallo stesso Luttwak nel suo “Strategia del colpo di Stato”: il tentativo di annientamento della persona “scomoda” attraverso la pista psichiatrica, il mobbing in ambito lavorativo e il tentativo di distruzione dei rapporti familiari … Continue reading

FIRMIAMO TUTTI E CONDIVIDIAMO OVUNQUE! IL MAGISTRATO PAOLO FERRARO TORNI A FARE IL MAGISTRATO!

72855-xtimesottobre2011ilcasoferraro_1

FIRMIAMO TUTTI E CONDIVIDIAMO OVUNQUE! ABBIAMO AGGIUNTO PETIZIONE SU CHANGE.ORG … PER OGNI FIRMA UNA MAIL ARRIVA AL MINISTERO! FIRMIAMO IN MASSA!!!! E CONDIVIDIAMO!!! https://www.change.org/it/petizioni/sig-ministro-di-giustizia-il-magistrato-paolo-ferraro-torni-a-fare-il-magistrato FIRMIAMO TUTTI E CONDIVIDIAMO OVUNQUE! PETIZIONE https://www.change.org/it/petizioni/sig-ministro-di-giustizia-il-magistrato-paolo-ferraro-torni-a-fare-il-magistrato IL MAGISTRATO PAOLO FERRARO TORNI A FARE IL MAGISTRATO! Le istituzioni non si debbono privare di un magistrato indipendente e professionale, colpito con strumenti subdoli ed artificialmente costruiti per aver … Continue reading

DEBUNKER, GATEKEEPER, TROLL : il controllo delle conoscenze su INTERNET e il metodo tavistock (INSTITUTE OF HUMAN RELATIONS)

Alan Greenspan

DEBUNKER, GATEKEEPER, TROLL : il controllo delle conoscenze su INTERNET e il metodo tavistock ( INSTITUTE OF HUMAN RELATIONS ) http://paoloferrarocdd.blogspot.com/2014/06/debunker-gatekeeper-troll-il-controllo.html I precedenti articoli su TAVISTOCK , controllo sociale e culturale e creazione del metodo e della pseudo ideologia complottista http://paoloferrarocdd.blogspot.com/2014/05/i-complottavistockiani.html http://paoloferrarocdd.blogspot.com/2014/05/super-tavistock-il-tavistock-in.html http://paoloferrarocdd.blogspot.com/2014/04/non-era-basaglia-e-il-progetto-tavistock.html http://paoloferrarocdd.blogspot.com/2014/01/le-nuove-termopili-oi-magoi.html trovano nel pezzo che segue, integralmente ripreso, una ulteriore ma … Continue reading

VICENDA DEL MAGISTRATO PAOLO FERRARO: LA PROVA DEL GOLPE SCIENTIFICO TARGATO TAVISTOCK.

INTERVISTA SIGNINI

dal blog CDD ITALIA LIBERA Era il 24 novembre del 2008 quando il magistrato Paolo Ferraro denunciò episodi avvenuti tra l’8 ed il 18 novembre nell’appartamento situato nella città militare della Cecchignola dove conviveva da maggio dello stesso anno con donna, moglie separata di sottoufficale dell’esercito impiegato allo stato maggiore della difesa, a sua volta presentatagli (reiteratamente ) da magistrato … Continue reading

CDD SULLA NOTIZIA: SALVATORE VITELLO PROSSIMAMENTE A CAPO DELLA PROCURA DI SIENA ?!

SONY DSC

Roma, 14 magggio - La quinta commissione del Csm ha votato all’unanimità la proposta della nomina di Salvatore Vitello a capo della Procura di Siena. La proposta sarà portata in Plenum per il voto definitivo (quindi la decisione non è ancora definitiva…n.d.r.) Per “celebrare” l’avvenimento il CDD è lieto di rispolverare un post dedicato proprio a Vitello. In attesa … Continue reading

Incontro-dibattito sul tema “DEBITO PUBBLICO FISCAL COMPACT e come evitare il collasso economico sociale

rsz_lamusicafapolitica

Parteciperò in diretta video streaming verso le 10 e 30 , a incontro-dibattito sul tema “DEBITO PUBBLICO FISCAL COMPACT . Come evitare il collasso economico sociale” , che si svolgerà a Milano, al Teatro Ariberto, sabato 10 maggio 2014 (dalle 9.30 alle 13.30) per portare un punto di vista che si muove su piani storico economico e strategicamente nuovi . …Continue reading

SUPER TAVISTOCK. Il TAVISTOCK in generale e la metodologia e finalità Tavistock in un caso concreto emblematico

John Reese

SUPER TAVISTOCK. Il nostro approccio meno “cospirazionista” nei toni e più attento , ovviamente, alle dinamiche concrete, ed all’utilizzo degli strumenti, deriva dalla ricostruzione da noi operata mediante la semplice attenta osservazione della vicina concreta realtà e dall’attenzione a fornire prove direttamente apprezzabili .. L’articolo “sessanta secondi” e le specificazioni successive nei successivi articoli , che riproduciamo di seguito, in … Continue reading

I COMPLOTTAVISTOCKIANI PROFESSIONALI SEMIPROFESSIONALI DILETTANTI. Quelli Laici, quelli “OI MAGOI”, quelli de “la politica indipendente siamo solo noi” .

Alan Greenspan

AD UNA TURBOLENZA ECONOMICA – FINANZIARIA ARTEFATTA o DA GESTIRE CORRISPONDE UNA TURBOLENZA SOCIALE FATTA AD ARTE PER GESTIRE I FENOMENI SOCIALI DERIVATI PREVEDIBILI . Nell’era del progetto Tavistock “coprire” la controinformazione e la temuta diffusione di notizie vere e prove , è ovviamente un frammento dell’attività dell’apparato , diremmo addirittura essenziale . Così come l’agitare e gestire temi deve … Continue reading

TROPPI galli e grilli a cantar troppi GOLPE: non si fa mai giorno nè si fa mai sera. Per chi suona la campana ?!

paolo salvo

A grandi passi verso il Chaos globale TROPPI galli e grilli a cantar troppi GOLPE: non si fa mai giorno nè si fa mai sera. Per chi suona la campana ?! I. I “VARI” GOLPE E I LORO CANTORI 1) IL GOLPE ELETTORAL-POLITICO Una legge che nel 2007 ha alterato la rappresentanza politica, ledendo il principio fondamentale di un … Continue reading

UNA tra le più gravi responsabilità di Beppe Grillo e del mondo dei sovranisti ingenui che opererebbero non gestiti da apparati del pari eversivi che condividono il cemento unitario dei poteri forti . ORA O MAI PIU’.

CDD UNIONE on Vimeo (2)

Una ricostruzione completa e sintetica di una vicenda centellinata nei suoi aspetti personali, generali, storici, politici e tattici , sinanche strategici . Un quadro unico ricostruito in modo inarrivabile con rinvio a dati, fatti, analisi complete a loro volta frutto di un lavoro unico posto in essere da un testimone diretto, magistrato intellettuale , politico ed altro che ha messo … Continue reading

Magazine Carabinieri d’Italia intervista Paolo Ferraro

1-1

Articolo pubblicato nell’edizione cartacea novembre/dicembre2011 del Magazine Carabinieri d’Italia, e mai reperito in rete. Lo scorso 16 giugno, il Consiglio Superiore della Magistratura, con procedura d’urgenza, ha deliberato il collocamento in aspettativa per infermità d’ufficio, per quattro mesi, con decorrenza immediata, del P.M. Paolo Ferraro, sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma. [seguiranno nell’ordine ulteriori provvedimenti del CSM: 10 ottobre 2011 provvedimento di collocamento in … Continue reading

Diretta video da blog CDD “DIVENTIAMO TUTTI ZETA LA FORMICA” . VERSO LA NUOVA SOVRANITA’. PROGETTI TAVISTOCK E DI ELITES E GOLPE SCIENTIFICO PER LA DISTRUZIONE E L’ASSERVIMENTO DI NAZIONI E UOMINI .

rsz_lamusicafapolitica

Diretta video CDD Giovedì 17 aprile 2014. Paolo Ferraro, Marco Attard, Margherita Veronese PROGETTI TAVISTOCK E DI ELITES E GOLPE SCIENTIFICO PER LA DISTRUZIONE E L’ASSERVIMENTO DI NAZIONI E UOMINI. EVERSIONE NON CONVENZIONALE ed Elites deviate dedite alla conquista infiltrata di Stati e società nel laboratorio “ITALIA”. IL CONTROLLO DI … Continue reading

DIRETTA VIDEO APRIRE GLI OCCHI E LA MENTE E RIAPPROPRIARSI DELLA CONOSCENZA DELLE ANALISI E DEI PROGETTI

p (3)

APRIRE GLI OCCHI E LA MENTE . CONOSCENZA ANALISI E PROGETTI NOSTRI PER IL FUTURO NOSTRO E PER UNA ALTERNATIVA VERA . DIRETTA VIDEO mercoledì 9 aprile 2014 ore 21 Abbiamo bisogno di conoscenza adeguata e anche di nuove idee , non certezze, ma di concreti obiettivi e di veri progetti all’altezza della storia e di una idea generale, … Continue reading

“POTERI FORTI E FORZE DEI POTERI. LA TERZA VIA E L’UNICA ALTERNATIVA DEMOCRATICA POSSIBILE”.CONFERENZA DIRETTA VIDEO 3 Aprile 2014

CDD FLAG

DIRETTA VIDEO SUL CANALE WEB DEL CDD 3 Aprile 2014 “POTERI FORTI E FORZE DEI POTERI. LA TERZA VIA E L’UNICA ALTERNATIVA DEMOCRATICA POSSIBILE”. Interventi di Giuseppe Turrisi, Marco Attard, Margherita Veronese, Paolo Ferraro, Roberto Fiore . Una analisi durata tre anni di lavori … ed uno spaccato politico operativo chiaro e concreto: molti apriranno gli occhi! EVENTO “UNICO”. https://www.facebook.com/events/222862951255923/ … Continue reading

“IL CASO MOBY PRINCE: dal tentato omicidio di Fabio Piselli alla COMMISSIONE parlamentare d’inchiesta” CONFERENZA DIRETTA VIDEO 1 Aprile 2014 versione HD

mobypr

CANALE CDD DIRETTA VIDEO 1 Aprile 2014 versione HD “IL CASO MOBY PRINCE: dal tentato omicidio di Fabio Piselli alla COMMISSIONE parlamentare d’inchiesta“ IN DIRETTA FABIO PISELLI, MARCO ATTARD, MARGHERITA VERONESE, PAOLO FERRARO . DV005 IL CASO MOBY PRINCE dal tentato omicidio di Fabio Piselli alla COMMISSIONE d’inchiesta from CDDpaoloferraro on Vimeo. DV005 IL CASO MOBY PRINCE dal tentato omicidio … Continue reading

Sessanta secondi svelano attentamente valutati più di mille documenti

p (3)

Sessanta secondi svelano, attentamente valutati, più di mille documenti Nel Febbraio 2012, pervenne al Dott. Paolo Ferraro, tramite la segreteria telefonica installata presso il Server Omnitel Vodafone del cellulare di pertinenza, un messaggio audio del tutto particolare. Si trattava di una registrazione ambientale, traccia fonica sovrapposta ad una pregressa traccia in sottofondo di una telefonata della di lui madre, rimanendo riferita la registrazione al numero di … Continue reading

STASERA ALLE ORE 21:00 DIRETTA VIDEO SUL CANALE CDD. “DAI PROGETTI DI SETTORE AL PROGETTO GLOBALE DA DISARTICOLARE PER TORNARE ALLA SOVRANITA’”

_Paolo Ferraro blue

STASERA ALLE ORE 21:00 DIRETTA VIDEO SUL CANALE CDD. ” DAI PROGETTI DI SETTORE AL PROGETTO GLOBALE DA DISARTICOLARE PER TORNARE ALLA SOVRANITA’” IN DIRETTA MARCO ATTARD PAOLO FERRARO E altri in attesa di conferme eventuali. IL LINK COME AL SOLITO MESSO NELL’EVENTO ED IL LINK PER PARTECIPARE DIRETTAMENTE TRAMITE HANGOUT , DATO A CHI MOTIVATAMENTE CHIEDE DI PARTECIPARE IN … Continue reading

Novum purgamentum ( Nuova mondezza ) . DUE SCHERZOSI E VIRTUALI CONCORSI PER SDRAMMATIZZARE

Jesus FRanco

Novum purgamentum ( Nuova mondezza ) . DUE SCHERZOSI E VIRTUALI CONCORSI PER SDRAMMATIZZARE Partecipate commentando e valutando ( in astratto ed in anonimo) secondo logica e criteri : è un gioco serio e si chiama accerchiare insieme con intelletto e coraggio il “pergamentum” che si è incistato nel cuore dello Stato ). PARTE PRIMA. Alle 00.05 del 14 gennaio 2014 si … Continue reading

IL CDD è EREDE DI GABER

rsz_lamusicafapolitica

IL CDD è EREDE DI GABER e ha fatto diventare quella analisi la pratica dello smascheramento concreto delle concrete organizzazioni deviate e di strutture sotterranee reali , con dati documenti, prove e nomi e cognomi fatti e ruoli . Chi non appoggia e non fa propria queste concrete analisi e questo concreto metodo, gira intorno alle teorie ingenue del mondialismo …Continue reading

Dibattito su “Quale Politica. Come uscire dal progetto autoritario europeo e dal dominio delle caste incistate nello Stato italiano

tribunale_penale_roma_piazzale_clodio

Martedì sera 11 marzo 2014 alle ore 21 in diretta video INTERNET hangout http://youtu.be/6Y1440ClUUY sul canale del CDD https://www.youtube.com/channel/UCmxHOMY3HczAY6ob1TAzV5w vi è stato il dibattito su “Quale Politica. Come uscire dal progetto autoritario europeo e dal dominio delle caste incistate nello Stato italiano. Quale strategia storica politica ed economico sociale per non ricadere nelle trame di apparati di potere e di … Continue reading

MASSONERIE E FRAMASSONERIE ROSSO BRUNE . SONO ALLO SCOPERTO

Massoni Rossi

MASSONI ROSSI: QUANDO LA SERA ANDAVAMO DA LICIO GELLI articolo tratto da sito sulatesta di Gianni Lannes http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/ di FURIO LO FORTE Partiamo da un libro shock sui “Panni sporchi della sinistra” per ricostruire quell’asse inconfessabile che da tempo collega uomini dell’ex Pci ad una certa parte della magistratura, con la supervisione delle massonerie organiche ai poteri finanziari internazionali. Il quadro di un … Continue reading

LIBERARE IL PERCORSO E DISARTICOLARE LE ROCCAFORTI E’ LA STRADA MAESTRA .

Simone by CAI17

Limitare a lobbies e malaffare le analisi è disinformare usando le stesse categorie usate da chi copre il di più che sta dietro agli ultimi venti anni a partire dalla strage di Capaci e di via D’AMELIO . Parlare di reali dinamiche sotterranee o meno di potere e non solo del golpe mediatico o politico visibile . e di progetti … Continue reading

AL SIGNOR MINISTRO DI GIUSTIZIA ANDREA ORLANDO MISSIVA del dott. Paolo Ferraro

il_caso_ferraro

AL SIGNOR MINISTRO DI GIUSTIZIA centrocifra.gabinetto@giustiziacert.it e p. c. Al Capo di Gabinettocapo.gabinetto@giustiziacert.it e p. c. Al vice Capo di Gabinettovicecapo.gabinetto@giustiziacert.it e p. c.responsabiletrasparenza.gabinetto@giustizia.it Alla Direzione Generale Magistrati dgmagistrati.dog@giustizia.it Signor Ministro, Lei non mi conosce, se non come mi conosce ormai una significativa parte informata del paese, e questo La solleva da ogni possibile equivoco o polemica … Continue reading

IL CAPITALISMO FINANZIARIO DELLA QUINTA ERA VERSO LA DEFINITIVA IMPLOSIONE

soldi-euro-banconote-mazzette

IL CAPITALISMO FINANZIARIO DELLA QUINTA ERA VERSO LA DEFINITIVA IMPLOSIONE Dalla usura monetaria tramite il monopolio usurario della produzione della moneta a debito, alla grande bolla speculativa finanziaria sino al gioco d’azzardo puro nella fase del default globale degli Stati . Tempo fa avevo letto l’articolo che riporto fedelmente a firma di Fulvio Beltrami e pubblicato su sito italiareteluna.it con … Continue reading

IL CANALE VIDEO DIRETTA DEL CDD

_Paolo Ferraro blue

======================================================================== IL CANALE VIDEO DIRETTA DEL CDD Il CDD Comitato Difendiamo la Democrazia (quella vera! Non una parola vuota) ha creato un canale diretta video, esito di due anni e mezzo di lavoro. L’indirizzo del canale è https://www.youtube.com/channel/UCmxHOMY3HczAY6ob1TAzV5w e vi svolgeremo conferenze di riflessione collettiva, con partecipazione diretta. Si tratta di un utilizzo ancor più avanzato della rete e della … Continue reading

DER SPIEGEL: ”L’UNIFICAZIONE EUROPEA E’ SEMPRE STATA UN PROGETTO DELLE ELITE CONTRO LE PERSONE”

rsz_lamusicafapolitica

N.B. L’opinione dell’intervistato dal DIERSPIEGEl è da noi corretta e diversificata con un giudizio positivo però sull’ispirazione del sistema normativo a tutela dei diritti, beni fondamentali e qualità del lavoro, vita e ambiente fermo restando la necessità di uscire dai patti iniqui e di modificare immediatamente il sistema monetario introducendo la moneta statuale sovrana, utilizzando anche se del caso il … Continue reading

Quale Europa politica Quale Europa economica

Paolocaffè24

“QUALE EUROPA QUALE ALTERNATIVA” 20 febbraio 2014 LINK PER LA DIRETTA SU CANALE YOUTUBE http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=GYJ-R70SzWM DIRETTA ANCHE SUL BLOG www.paoloferrarocdd.blogspot.it INVITIAMO TUTTI A DIFFONDERE OVUNQUE L’INVITO https://www.facebook.com/events/445700998895364 E LA INFORMAZIONE SULLA DIRETTA CONDIVIDENDO l’EVENTO E USANDO IL TASTO AMICI ( CONVOCA IN ALTO A DESTRA) Giovedì sera 20 febbraio 2014 ( questa sera ) alle ore 21 in diretta video … Continue reading

Una politica consapevole sui tre livelli del potere e una linea pura che superi le teorie ingenue della democrazia, del mondialismo e della sovranità nazional massonica .

3

117 Paolo Ferraro da Salvo5 0. Occorre una politica consapevole sui tre livelli del potere politico sociale visibile, geopolitico internazionale e dei servizi , esoterico e associativo sotterraneo ( massonerie ) . Ed occorre andare oltre le TRE TEORIE INGENUE della DEMOCRAZIA, DEL MONDIALISMO E DELLA SOVRANITA’ NAZIONAL MASSONICA . Uscire dai vincoli autoritari dell’EUROPA e dal cappio dell’EUTRO per … Continue reading

“Quale alternativa” Martedì sera 18 febbraio 2014 alle ore 21 DIRETTA CDD INCOPORATA NEL BLOG

_Paolo Ferraro blue

Martedì sera 18 febbraio 2014 alle ore 21 in diretta video INTERNET hangout un primo dibattito del CDD su “Quale alternativa , quale forma e quale stratificazione della analisi politica economica e filosofica, quale progetto”. ( L’indirizzo del canale è il seguente https://www.youtube.com/channel/UCmxHOMY3HczAY6ob1TAzV5w mentre il link della diretta verrà messo un quarto d’ora prima della trasmissione indiretta , ovviamente, sia sull’evento … Continue reading

RACCOMANDATA A FIRMA DI NICOLETTA GANDUS E DELLA COMMISSIONE PROBIVIRI DI MD . RISPOSTA

RACCOMANDATA A FIRMA DI NICOLETTA GANDUS E DELLA COMMISSIONE PROBIVIRI DI MD in data 25 gennaio 2014 . RISPOSTA Con richiesta di pubblicazione della lettera e dell’allegato Non so se sia tu la Nicoletta di MD . Mi è arrivata “a presa per il ” o a “messaggio implicito ” o per errore la raccomandata con la quale mi viene chiesto se Paolo Ferraro, … Continue reading

UN SENTIERO DI MONTAGNA DISSESTATO che fare ?

Simone by CAI17

UN SENTIERO DI MONTAGNA DISSESTATO che fare ? Se dobbiamo attraversare un sentiero di montagna dissestato e cosparso di trappole, buche, esplosivi sotterrati, fucilieri occultati pronti a mitragliare, per arrivare ad un castello cui mirano anche altri per finalità di potere opposte (la sovranità ambigua gestita dalla borghesia massonica nazionale e sventolata a fini eversivi sempre di casta*) dobbiamo … Continue reading

IL CDD. METODO ANALISI GENERALE ED IDEE PROGRAMMATICHE

CDD FLAG

IL CDD PER ASSICURARE UN PERCORSO POLITICO CONSAPEVOLE PER UNA ALTERNATIVA REALE . UN AGIRE POLITICO CONTRO LE TEORIE INGENUE CHE MANIPOLANO . Occorre essere oltre le visioni ingenuamente dualistiche (democrazia vs tirannia, sovranità vs mondialismo), oltre le strategie collaterali (metodi di controllo, infiltrazione, disinformazione, gestione sociale e accerchiamento) ed oltre le le strategie sotterranee (esoterismo, infiltrazioni culturali e capziose dimensioni … Continue reading

IL CDD CONTRO LE TEORIE INGENUE CHE MANIPOLANO DEVE AGIRE E ASSICURARE UN PERCORSO POLITICO CONSAPEVOLE PER UNA ALTERNATIVA REALE .

CDD FLAG

TEORIE INGENUE ED AGIRE POLITICO Occorre essere oltre le visioni ingenuamente dualistiche (democrazia vs tirannia, sovranità vs mondialismo), oltre le strategie collaterali (metodi di controllo, infiltrazione, disinformazione, gestione sociale e accerchiamento) ed oltre le le strategie sotterranee (esoterismo, infiltrazioni culturali e capziose dimensioni metafisiche). Per esserlo occorre unire capacità di analisi, denuncia e pratica degli obiettivi coerenti con il quadro … Continue reading

VECCHIA PICCOLA BORGHESE MASSONERIA

Dalla settimana prox incontri conferenze in diretta con partecipazione CHAT il martedì e giovedì … infine la scelta .. collettiva . https://www.facebook.com/notes/paolo-ferraro/vecchia-piccola-borghese-massoneria/578094468951209. https://www.facebook.com/events/1448161005414721/?notif_t=plan_user_joined VECCHIA PICCOLA BORGHESE MASSONERIA “Dice un avvocato, Marco Della Luna in un … Continue reading

Traffico di organi umani ed efebofilia, ambienti militari e genocidi infantili . Cecchignola : il Caso Ferraro e magistratura deviata .

cropped-def20-xtimesottobre2011ilcasoferraro_11.jpg

Traffico di organi umani ed efebofilia, Ambienti militari e genocidi infantili . Cecchignola : il Caso Ferraro e magistratura deviata. Una fondata ipotesi emerge oltre che dalle terribili notizie provenienti dal teatro di guerra siriano, sinanche dalla valutazione sui fatti della Cecchignola a Roma e sulla indagine ormai nota, “Fiori nel fango due ” , e sul caso “Paolo … Continue reading

LA ROSA DEI VENTI: 1974 OS e Tempio di Set – 2014 Super Gladio e Dragon Rouge

colle_fatale2132_img

di Marco ATTARD Nel mese di Febbraio 2009 per conto della Longanesi & C fu finito di stampare un giallo politico dal titolo “Colle Fatale” scritto da un Anonimo Romano informato sui fatti, autore del quale si sanno solo due cose, proprio perché anonimo e intenzionato a restarlo,: che (come si evince dal libro) conosce bene gli ambienti e i … Continue reading

Non toccate !!!

Non toccate

Vergognatevi! Messaggio del magistrato Paolo Ferraro (4 maggio 2012) 33 NON TOCCATE ACQUA ARIA CIBI SEMENTI UONINI DONNE BAMBINI SOCIETA’ E POPOLI LIBERTA’ E VALORI . VIMEO from CDDpaoloferraro on Vimeo. Non toccate l’acqua. E’ il bene comune da sempre dell’umanità, state privatizzando ciò che appartiene alla gente. In nome del profitto economico …, in nome dell’assurda affermazione che l’acqua gestita dalle strutture pubbliche non … Continue reading

Le strategie eversive Paolo Ferraro. INTERVISTA.

rsz_lamusicafapolitica

Le strategie eversive Paolo Ferraro. INTERVISTA. Tratteggiati percorsi e storia , metodologie e ruoli, progetti e tecniche. Gli ultimi 35 anni della storia italiana : da Moro attraverso Falcone ai giorni nostri. “Qualcuno” aveva commentato in facebook spiritosamente “oggi massimo livello di intelligence “… Forse è allora arrivato il momento di capire che intorno alla vicenda di Paolo Ferraro si … Continue reading

- Le strategie eversive Paolo Ferraro. INTERVISTA.

INTERVISTA SIGNINI

Le strategie eversive Paolo Ferraro. INTERVISTA. Tratteggiati percorsi e storia , metodologie e ruoli, progetti e tecniche. Gli ultimi 35 anni della storia italiana : da Moro attraverso Falcone ai giorni nostri. “Qualcuno” aveva commentato in facebook spiritosamente “oggi massimo livello di intelligence “… Forse è allora arrivato il momento di capire che intorno alla vicenda di Paolo Ferraro si … Continue reading

LA ALTERNATIVA ED IL GOLPE IN ITALIA. LA SOVRANITA’ NON ELITARIA .

p (3)

LA SOVRANITA’ IN UNA STRATEGIA NON ELITARIA Video streaming by Ustream Non è possibile “riprendere” la/e sovranità e ragionare alla rovescio. Dire in buona sostanza “se risolviamo il problema il problema e tutti i problemi sono risolti”, costituisce uno strabismo concettuale impressionante ma concretamente vuol dire anche dare in pillole concetti, solo per creare reazioni e spinte “utilizzabili”. Se non rimuovi … Continue reading

Rivalutazione delle quote Bankitalia. Verranno denunciati i Parlamentari che hanno votato , per il reato di peculato in concorso , alla Procura Generale della Corte dei Conti per danno erariale e alla Commissione Europea per la fattispecie di rilievo europeo degli aiuti mascherati alle banche private azioniste di Banca d’Italia.

1560393_10203070987206066_713423235_n (1)

Rivalutazione quote Bankitalia: denunce a 130 Procure ARTICOLO PUBBLICATO SU WALLSTREETITALIA.COM che merita di essre diffuso in tutta la rete http://www.wallstreetitalia.com/article/1662908/banche/rivalutazione-quote-bankitalia-denunce-a-130-procure.aspx Reati ipotizzati: peculato, danno erariale, aiuti di stato mascherati alle banche per 7,5 miliardi. Rischio su oro e riserve. 65. QUELLO CHE NE’ INGROIA TRAVAGLIO NE’ NESSUN ALTRO DICE. INTERVENTO DI PAOLO FERRARO a GR2 from CDDpaoloferraro on Vimeo. … Continue reading

LA SOVRANITA’ IN UNA STRATEGIA NON ELITARIA O INFANTILE. STRABISMO E ‘ IPERMETROPIA PERPETUANO LA SCONFITTA .

b90d7-270170_124574197636574_100002519841658_163515_6363652_n

LA SOVRANITA’ IN UNA STRATEGIA NON ELITARIA O INFANTILE . STRABISMO ED IPERMETROPIA PERPETUANO LA SCONFITTA . Non è possibile “riprendere” la/e sovranità e ragionare alla rovescio. Dire in buona sostanza “se risolviamo il problema il problema e tutti i problemi sono risolti”, costituisce uno strabismo concettuale impressionante ma concretamente vuol dire anche dare in pillole concetti, solo per creare reazioni e spinte “utilizzabili”. … Continue reading